Elezioni comune di Torino

 / Attualità

Attualità | 26 luglio 2021, 13:45

No Vax contestano Figliuolo. La “risposta” dei giovani torinesi: 1.300 in coda per farsi vaccinare [FOTO e VIDEO]

L’entusiasmo per le vaccinazioni nella fascia 12-19 sorprende la Regione: “Pronti a chiedere più dosi a Figliuolo”. Il generale: “Il Piemonte verrà approvvigionato, abbiamo i vaccini per agosto”

No Vax contestano Figliuolo. La “risposta” dei giovani torinesi: 1.300 in coda per farsi vaccinare [FOTO e VIDEO]

Quasi 1.300 giovani in fila, pronti a farsi vaccinare. Una ventina di no vax che scandiscono un coro: “Giù le mani dai bambini”. Sono queste le due facce della stessa medaglia che descrive quanto successo questa mattina durante la visita alla Nuvola Lavazza del generale Francesco Paolo Figliuolo.

No vax contestano Figliuolo

Il commissario straordinario per l’emergenza Covid-19, in occasione dell’avvio della campagna vaccinale per la fascia 12-19 anni, è stato accolto da uno sparuto gruppo di contestatori: “Lo attendiamo, i nostri bambini lo attendono”. “I nostri figli vengono usati come cavie di laboratorio, vogliamo proteggere il nostro futuro. Basta con la dittatura sanitaria, è ora di finirla di sperimentare sui ragazzi” hanno affermato i no Vax, che controllati dalla polizia hanno provato a raggiungere un’auto blu poi risultata vuota.

Icardi: “Ora chiediamo più dosi”

A pochi metri di distanza, su via Ancona, centinaia e centinaia di giovani si sono invece messi in fila per ricevere il vaccino. Alcuni di loro regolarmente prenotati (970) , altri invece senza prenotazione come indicato dalla Regione (300 circa). Un’entusiasmo dilagante, quasi spiazzante, come ammesso dal presidente Alberto Cirio. “I primi giorni è sempre così, abbiamo l’assalto alla diligenza. Fa piacere che ci sia tanta gente, ma ora abbiamo bisogno di più dosi” ha ammesso L’assessore alla Sanità Luigi Icardi. “L’abbiamo detto alla struttura commissariale, abbiamo quasi triplicato le richieste. Il tema lo affronteremo oggi con il generale Figliuolo” ha concluso Icardi.

Figliuolo promette: “Al Piemonte non mancherà l’approvvigionamento”

Anche Carlo Picco, direttore generale dell’Asl Città di Torino, ha paventato qualche preoccupazione causa approvvigionamento, ma a dissipare ogni timore ci ha pensato lo stesso Figliuolo: “Il Piemonte, come tutte le altre regioni, verrà approvvigionato. Ad agosto avremo i vaccini per continuare”.

Nel caso vi fosse una sorta di over Booking di prenotazioni, il generale ha già dettato la linea: “Ci sarà una gradualità, ma il piano è strutturato per arrivare a fine settembre con l’80% della popolazione coperta dai vaccini”.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium