/ Cronaca

Cronaca | 07 ottobre 2021, 11:27

Litiga con il tabaccaio per una ricarica telefonica: dopo minacce e insulti interviene una volante

L'uomo aveva provato a truffare il negoziante, dicendo di non aver ricevuto la ricarica sul cellulare. Non contento delle spiegazioni ricevute, è tornato nel locale con un amico. Uno dei due ha poi aggredito anche i poliziotti

Litiga con il tabaccaio per una ricarica telefonica: dopo minacce e insulti interviene una volante

Si era recato presso una tabaccheria di via Borgo Dora chiedendo di poter effettuare una ricarica telefonica. Il cittadino nigeriano, 24 anni, ha fatto la transazione e se ne è andato, ma poi è tornato nel locale pochi minuti dopo, sostenendo di non aver ricevuto la ricarica effettuata. A sostegno della sua tesi, ha sostenuto che il pin riportato sulla schedina fosse già stato utilizzato e pertanto non più valido.

Il tabaccaio ha spiegato al cliente come l'eventualità fosse assolutamente impossibile, in quanto i pin sono unici e vendibili una sola volta. Inoltre, contattato il gestore, si è scoperto che il suo credito era stato riazzerato dopo la ricarica, in virtù di un debito pregresso in capo all’intestatario della scheda. Non contento, il cittadino nigeriano è ritornato al negozio portandosi dietro un connazionale di 27 anni e ha minacciato il tabaccaio, lanciandogli addosso alcuni prodotti in vendita.

I poliziotti sono prontamente intervenuti e hanno riportato la calma con difficoltà. Uno dei due avventori, il ventisettenne, ha sferrato addirittura un pugno all’indirizzo di un operatore di polizia poco prima di essere trasportato in Questura per gli accertamenti sull’identità personale.

E' stato poi arrestato per resistenza a Pubblico Ufficiale, mentre il suo amico denunciato per resistenza, rifiuto di fornire le proprie generalità e per violazione della Legge sull’immigrazione.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium