Cultura e spettacoli | 22 ottobre 2021, 08:28

CasArcobaleno: apre la mostra partecipata "Donn* in mostra: genere a nudo"

Dal 6 novembre. Sarà presentato anche il banchetto di libri a tema

CasArcobaleno: apre la mostra partecipata "Donn* in mostra: genere a nudo"

Sabato 6 novembre alle 20.30 CasArcobaleno (via Bernardino Lanino 3A, Torino) ospita l’inaugurazione del gruppo Donn* Arcigay Torino “Donn* in mostra: genere a nudo”.

 

Si tratta di una “mostra partecipata”: chiunque può proporre un proprio contenuto, che racconti cosa significa ripensare il genere?

Come? Inviando una poesia, un’illustrazione, una foto, una canzone, la descrizione di un’installazione, l’idea di un reading, un racconto, insomma proponendo  la propria idea.

Le proposte vanno inviate alla mail gruppodonn.arcigaytorino@<wbr></wbr>gmail.com entro lunedì 25 ottobre 2021 ore 23.59.

 

Alla serata del 6 novembre sarà presente anche Nora Book & Coffee con un banchetto di libri a tema.

 

Questa mostra partecipata vuole chiamare a raccolta tutt* le persone per rielaborare il concetto di donn*. Che cos’è il genere? Esiste una definizione univoca per questo termine oppure ha una definizione fluida, che si adatta al nel tempo?

Il genere è un prodotto della nostra società, viene creato e riaffermato quotidianamente attraverso le interazioni tra le persone. La nostra società, i media, la politica attuale tende a rafforzare dell’idea di identità maschile e identità femminile come distinte e separate, collegandole direttamente all’appartenenza biologica e quindi ad un determinato sesso.

Con la nascita e diffusione dei gender studies negli anni ‘70 si va progressivamente a non associare più un ruolo sociale con un determinato sesso.

A partire da quegli anni non viene più dato per scontato che ci siano professioni adatte solamente alle donne o agli uomini. Il genere femminile, sottoposto per millenni all’egemonia maschile e a una visione patriarcale della società, necessità di essere liberato da tutta una serie di limitazioni, stereotipi e catene a cui è da sempre stato legato. La cultura patriarcale ha codificato modelli e significati attribuendole alle differenze dei corpi, individuando nella corporeità femminile l’inferiorità fisica e morale.

 

Per accedere a CasArcobaleno e partecipare all'evento è necessario: esibire il green pass, indossare la mascherina, esibire la tessera Arcigay (o Arci e federate) in corso di validità

Leggi tutte le notizie di STORIE SOTTO LA MOLE ›

Rossana Rotolo

Nata e vissuta a Torino, mi sono allontanata per qualche anno ma, dopo due brevi parentesi a Berlino prima e in Trentino poi, ho deciso di tornare a casa. Nonostante un’educazione di carattere prettamente scientifico, la passione per la scrittura ha preso presto il sopravvento e ho cominciato a raccontare con costanza il mondo della creatività, dall’arte contemporanea al teatro, dall’editoria all’arte di strada. Ho fatto del racconto del talento altrui la mia più grande missione.

Storie sotto la Mole
Poche città posseggono un patrimonio di storie e leggende quanto Torino. Ho ideato questa rubrica per dare spazio ai numerosi miti nati all’ombra della Mole: dall’origine dei dolci più prelibati, agli angoli nascosti della città fino ai numerosi fantasmi che ne occupano vie e palazzi. In questo spazio racconto a modo mio le storie più note, quelle meno note e anche alcune di mia completa invenzione.

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium