/ Politica

Politica | 29 novembre 2021, 16:27

Palazzo Lascaris: donata al Consiglio regionale del Piemonte la poesia in pergamena “Mi ero persa”

L'opera è nata esattamente venti mesi prima, ovvero il 26 marzo 2020 durante il primo lockdown, mentre Maria Teresa Chechile, infermiera di pneumologia, si recava al lavoro presso l'ospedale Carlo Urbani di Jesi

Palazzo Lascaris: donata al Consiglio regionale del Piemonte la poesia in pergamena “Mi ero persa”

Il Covid-19 diventa poesia in Consiglio regionale del Piemonte e lo fa con le parole di Maria Teresa Chechile, infermiera di pneumologia, che venerdì scorso, 26 novembre, ha donato all’assemblea legislativa piemontese una copia del testo di quest’opera nata esattamente venti mesi prima, ovvero il 26 marzo 2020 durante il primo lockdown, mentre si recava al lavoro presso l'ospedale Carlo Urbani di Jesi.

“Ringrazio innanzitutto il Presidente del Consiglio regionale del Piemonte Stefano Allasia - esordisce l’autrice dopo l’incontro a Palazzo Lascaris - per avermi accolta e aver mostrato con particolare sensibilità come anche la medicina narrativa ha avuto ed ha un ruolo non indifferente in questo nostro tempo epocale di pandemia. Ringrazio il Consigliere regionale, nonché Vicepresidente della Quarta commissione Sanità, Andrea Cane per aver creduto nella forza che proprio quest’arte sa esplicare oltre la clinica, quale risultanza e ulteriore incentivo nell’affiancare la scienza e la medicina”.

“Li abbiamo chiamati eroi - commenta il Vicepresidente della commissione Sanità del Piemonte Andrea Cane - ma conoscerli anche come poeti è stato un privilegio unico. Insieme a questa poetessa che ha messo in versi una pagina tremenda della storia del nostro Paese e della Regione Piemonte, sentendo il valore dell’opera di Maria Teresa Chechile che ha meritato il premio dell’Accademia dei Bronzi di Catanzaro, si rinnova la speranza che lei stessa auspica, ricordando che ‘ogni goccia di pioggia sarà prato in fiore’. Siamo pronti a una nuova primavera accompagnati da un’arte che non conosce pareti neanche di fronte alla malattia”.

Infine le dichiarazioni di Stefano Allasia, Presidente del Consiglio regionale: "Un grazie a Maria Teresa Chechile per averci donato questi meravigliosi e commoventi versi scritti durante la prima ondata della pandemia, forse la più acuta, quando siamo stati costretti a cambiare radicalmente i nostri stili di vita. In questi ormai quasi due anni, tutti gli operatori sanitari hanno dato prova di eccezionale professionalità nel garantire la quotidiana assistenza sanitaria. Persone che hanno fatto molto più del loro dovere in senso stretto, rischiando anche la vita, talvolta perdendola, riuscendo tutti insieme a contenere una situazione imprevedibile che si è abbattuta su di noi come una valanga".

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium