/ Attualità

Attualità | 12 gennaio 2022, 10:35

Eurovision Song Contest 2022: al PalaAlpitour il "villaggio" canoro, un palco per gli spettacoli anche in piazza Castello

Dal 10 al 14 maggio attese 41 delegazioni europee: l'evento non sportivo più seguito al mondo, ha tra 100 e 600 milioni di spettatori

gruppo vincitore sul palco

La vittoria dei Maneskin all'ultima edizione dell'Eurovision

Meno 4 mesi. A Torino è partito ufficialmente il conto alla rovescia per gli Eurovision Song Contest, che si svolgeranno al PalaAlpitour dal 10 al 14 maggio 2022. 

E la 66° edizione porterà in città 41 delegazioni europee provenienti da altrettanti Paesi, oltre a una vasta platea di stampa, sponsor e pubblico di appassionati provenienti da tutto il mondo.

Protagonisti il PalaAlpitour e piazza Castello

Il Comune, per l'organizzazione della kermesse canora, ha individuato due aree su cui allestire strutture temporanee: la prima davanti al PalaAlpitour e la seconda in piazza Castello. Nello spazio esterno davanti alla struttura olimpica verranno realizzati uno spazio dedicato alla stampa con spazi di lavoro, relax, zone per la conferenze stampa, TV Photo Studio, uffici e una struttura per le delegazioni. Dopo le Atp Finals, il PalaAlpitour verrà riconvertito con l'allestimento di 40 cabine insonorizzate dedicate ai commentatori dell'Eurovision. 

In piazza Castello un palco per gli spettacoli 

In piazza Castello verrà realizzato un palco per gli spettacoli con due torri, a cui saranno affiancate camerini e zone per il backstage. Alla luce della complessità dell'evento e visto che  mancano meno di quattro mesi il Comune, tramite una delibera approvata ieri dalla giunta, chiederà il supporto tecnico e amministrativo alla Società di committenza della Regione Piemonte. Quest'ultima si occuperà di svolgere le attività di aggiudicazione degli appalti, stipulazione ed esecuzione dei relativi contratti.

Eurovision più grande evento non sportivo al mondo, tra i 100 e 600 milioni di spettatori

Dopo la vittoria di maggio a Rotterdam dei Måneskin, l'Eurovision Song Contest 2022 è stato assegnato all'Italia. Torino è riuscita ad aggiudicarsi il festival, battendo la concorrenza di Milano, Bologna, Rimini e Pesaro. Si tratta dell'evento non sportivo più seguito al mondo: ha tra i 100 e 600 milioni di spettatori.

Le ricadute sul settore turistico si annunciano rilevanti, guardando i dati delle precedenti edizioni: nel 2017 a Kiev si è registrato un +37% di visitatori, con 60 mila presenze di cui 20mila straniere. Numeri positivi anche per Stoccolma nel 2018, dove ci sono state entrate economiche per 36.8 milioni di euro, dei quali 28 milioni dai turisti, con 38mila visitatori unici di cui 28 mila stranieri.

Lo Russo: "Cronoprogramma in linea con le previsioni"

Il cronoprogramma è in linea con quelle che erano le previsioni, sicuramente l’emergenza pandemica rende tutto più complesso: organizzare un grande evento in piena pandemia non è semplice", ha detto il sindaco di Torino Stefano Lo Russo. "Sono convinto che adottando le necessarie precauzioni possiamo tenere insieme le esigenze di salute e non perdere l’occasione di far diventare l’Eurovision un grande evento per la città”.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium