/ Cronaca

Cronaca | 20 giugno 2022, 17:04

Incendio doloso di rifiuti nelle case popolari di via Poma: annerita una palazzina

Su 450 alloggi, 15 occupazioni abusive. Ambrogio (FdI):" Rogo ad opera di nomadi allontanati da una delle abitazioni"

rogo

Su 450 alloggi, 15 occupazioni abusive

Incendio doloso nella case popolari di via Poma 11/via Scarsellini 12. Questa mattina ignoti hanno appiccato il fuoco ad alcuni vecchi mobili e rifiuti accatastati vicino ai bidoni della raccolta differenziata, collocati nel cortile esterno. Le fiamme, complice l’alta combustibilità della spazzatura, si sono rapidamente estese e hanno annerito quasi completamente il muro laterale di una delle palazzine della zona sud.

Atc: "Ritiro gratuito rifiuti da parte di Amiat"

Ricordiamo che per lo smaltimento dei rifiuti abbandonati – fanno sapere da Atc - è disponibile un servizio di ritiro gratuito da parte di Amiat per il quale è sufficiente chiamare il numero verde”. “Diversamente – aggiungono - Atc deve richiedere una operazione di pulizia ad una impresa specializzata e la spesa viene poi addebitata in bolletta ai residenti”.

15 alloggi occupati abusivamente

Il complesso di Mirafiori Nord continua a finire al centro delle cronache. Negli scorsi mesi i residenti hanno denunciato cumuli di rifiuti abbandonati illegalmente, ma soprattutto le occupazioni abusive. Nel complesso edilizio su 450 alloggi totali, 15 sono abitati da persone che non ne hanno titolo. Venerdì né è stato recuperato uno: si era infatti verificata una perdita e gli occupanti se ne sono andati. Atc è intervenuta per riparare il guasto e ha recuperato l'appartamento, cambiando la serratura e mettendo antifurto.

Ambrogio (FdI): "Possibili autori i nomadi allontanati"

E secondo la consigliera comunale di FdI Paola Ambrogio autori dell’incendio di questa mattina potrebbero essere “i nomadi allontanati da una delle abitazioni”. “Trovo imbarazzante – rincara l’esponente del centrodestra - che il Comune non faccia la sua parte nel proteggere e tutelare i cittadini”. “La misura è colma. È ora di agire nei confronti degli atti di ripicca di chi non intende sottostare a regole basiche della società” conclude Ambrogio, annunciando di voler presentare una nuova interpellanza sul tema.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium