/ Politica

Politica | 06 luglio 2022, 13:50

Sanità, il Pd attacca Cirio: "Perdiamo personale, se vinceremo le elezioni invertiremo il trend" [VIDEO]

Oltre 5.000 il saldo negativo dal 2005 a oggi. Il Pd: “Serve un piano straordinario di assunzioni”. La giunta risponde: "Stupiti dalla polemica: abbiamo fatto oltre 5mila reclutamenti durante l’emergenza e adesso stiamo avviando 1.137 stabilizzazioni"

Politici durante incontro stampa

Gli esponenti del Partito Democratico in Regione Piemonte

Sembra essere inarrestabile l’emorragia di medici, infermieri, Oss e personale amministrativo della sanità in Piemonte. A sollevare il problema è il gruppo consiliare del Partito Democratico, che mostrando un grafico con una curva in picchiata tra entrate e uscite, punta il dito contro la Giunta Cirio: “Assunzioni in sanità? Con il centrodestra il trend è sempre negativo”.


Valle contro Cirio: “Continuiamo a perdere personale

L’accusa mossa dai consiglieri del Pd è supportata da dati che rivelano come dal 2005 a oggi, si siano persi oltre 5.000 risorse all’interno della sanità piemontese. Il confronto presentato è quello tra le giunte Cota, Chiamparino e Cirio. Un trend sempre negativo, con una timida inversione tra il 2016 e il 2019. La pandemia ha poi provocato un’ulteriore diaspora di personale sanitario: “E’ emerso come negli ultimi due anni ci sia un saldo negativo tra assunti a tempo indeterminato (persone in pensione, trasferite, cambiato lavoro o dimesse). Sia nel 2020 che nel 2021 abbiamo perso personale e questo ci preoccupa molto, alla luce della ripresa del Covid e delle liste d’attesa esplose durante la pandemia”, ha affermato Daniele Valle, consigliere regionale del Pd

Il vice presidente del Consiglio regionale ha poi proseguito: “Le stabilizzazioni annunciate (i 1.200 precari assunti a tempo determinato durante la pandemia che verranno stabilizzati), verranno stabilizzati a metà nel 2022 e metà nel 2023. Sommati tra di loro non saranno sufficienti a recuperare il personale perso nell’ultimo biennio. Inoltre non sappiamo nemmeno quanto personale perderemo nel 2022-2023. Capite bene che la nostra preoccupazione aumenta”.

Il consigliere regionale è un fiume in piena: “In piena pandemia, investire sul personale era importante. Presentarsi sul mercato delle assunzioni con dei contratti a tempo determinato di sei mesi o farlo con contratti a tempo indeterminato, in un momento come la pandemia in cui i medici ce li si strappava tra pubblico e privato o tra regione e regione, faceva davvero la differenza”. “Mi sento di fare un nodo al fazzoletto - ha concluso Valle - Se dovessimo vincere le elezioni del 2024, invertiremo il trend. Non soltanto perché ci crediamo fortemente e ci stiamo lavorando a livello nazionale ma perché il confronto tra legislature Cota, Chiamparino e Cirio lo dice chiaramente”.


Gallo: “Cirio non in grado di programmare assunzioni”

Una posizione ribadita dal presidente del gruppo Pd, Raffaele Gallo: “Cirio deve spiegarci come mai non è stato in grado di programmare assunzioni che consentissero di mantenere almeno il trend che aveva garantito il governo regionale di centrosinistra”. “La sanità - ha proseguito Gallo - si fonda sulla qualità del personale e su coloro che vengono inseriti nei vari settori: oggi abbiamo una sanità decisamente peggiore: i numeri fotografano il fallimento della Giunta Cirio”.

Rossi: “Serve piano assunzioni”

Al di là dei tanti annunci a cui ci ha abituati questa Giunta, è evidente un dato macroscopico: quando governa il centrosinistra si assume personale, quando governa la destra, non si sostituiscono nemmeno i pensionamenti. L’unico modo per affrontare questa criticità è quello di varare un piano straordinario di assunzioni”, ha affermato Domenico Rossi, vice presidente della Commissione Sanità.

Risponde la giunta: "Noi vaccinati contro le polemiche del Pd"

"A dicembre 2021 il personale della sanità piemontese risulta costituito da 57.358 professionalità, ovvero 2.700 in più rispetto alle 54.664 del 2018", la risposta della giunta regionale, arrivata in serata. "La polemica sollevata dal Pd stupisce – osserva l’assessore Luigi Icardi - perché quando si chiede conto del turn-over probabilmente i consiglieri d'opposizione non ricordano che i concorsi durante il Covid non si potevano fare, perché erano sospesi per legge a livello nazionale. Probabilmente saranno loro sfuggiti anche gli oltre 5 mila reclutamenti che la Regione ha messo in campo durante l’emergenza e le 1.137 stabilizzazioni che, in accordo con i sindacati, si stanno avviando. Sfuggito poi, naturalmente, che siamo la prima regione in Italia per numero di somministrazioni della quarta dose di vaccino".

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium