/ Cultura e spettacoli

Cultura e spettacoli | 11 ottobre 2022, 10:10

Torino come Parigi: “Il bacio” e centinaia di scatti di Robert Doisneau in mostra a Camera

Fino al 14 febbraio 130 immagini per celebrare uno due padri della fotografia del Novecento

Robert Doisneau in mostra a Camera

Torino come Parigi: “Il bacio” e centinaia di scatti di Robert Doisneau in mostra a Camera

‘Amore’ e ‘Parigi’ sono le prime parole che vengono in mente quando si parla del fotografo Robert Doisneau. E senza dubbio la mostra aperta fino al 14 febbraio a Camera è un’immersione nelle atmosfere Parigine del secondo dopo guerra.

Le atmosfere della ville lumière

Una passeggiata tra le strade e le vie della ville lumière riprese dall’obiettivo curioso e disobbediente di Doisneau.

130 scatti in 11 sezioni che accompagnano il visitatore fino all’atteso e celeberrimo “bacio”, scattato davanti al Municipio di Parigi.

Alla scoperta di un mago delle immagini

“Cosa significa questa mostra a camera? - spiega Walter Guadagnini, direttore di Camera - Appartiene dei filoni quello dei grandi classici rivisitati all’interno di queste sale”.

Dopo le mostre su Mollino, Man Ray, la collettiva del Moma, la retrospettiva dedicata a Doisneau dà la possibilità al pubblico di conoscere uno dei maggiori fotografi del ‘900. Autore giocoso e divertente, amava ritrarre i volti della strada, cercando di cogliere quanto più poteva l’attimo, ma senza dimenticare l’importanza della composizione dell’immagine.

Doisneau il fotografo della pace

Insieme a Robert Capa, Doisneau è uno dei monumenti alla fotografia” commenta il curatore Gabriel Bauret. Se Capa suo malgrado è catalogato come il fotografo “della guerra”, Doisneau è quello “della pace”. 

Aurore del “teatro della strada” alla sua morte ha lasciato oltre 450 mila i negativi in eredità al mondo. Grazie alla catalogazione dalle figlie e oggi possiamo esplorare questa mostra che percorre i vari temi cari al fotografo di Gentilly: dall’infanzia, al mondo operaio, dai cafè ai personaggi del suo tempo quali Prevert, Picasso, Giacometti. 

Trasformare la filosofia in immagini

Fil rouge il legame con la biografia, per scoprire l’autore dietro l’immagine, e il “bonhueur”, il buonumore, “di cui forse abbiamo bisogno soprattutto in questo periodo di crisi globale” commenta il curatore. 

Il punto di partenza è l’infanzia, filone caro al fotografo, che vuole esprime felicità e al tempo stesso ricercare l’empatia con il mondo operaio”. 

Un autore umanista, ma non solo, esistenzialista che ha tradotto la filosofia del suo tempo in fotografie”. 

 

Per info: www.camera.to 

Chiara Gallo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium