/ Cronaca

Cronaca | 31 ottobre 2022, 07:10

Dopo lo stupro, la paura delle studentesse: “Questa zona è diventata terribile”

L’area da tempo è diventata mal frequentata e le denunce per aggressioni e scippi sono in aumento. Gli studenti fuori sede, invece di sentirsi a casa, vivono con la paura

Dopo lo stupro, la paura delle studentesse: “Questa zona è diventata terribile”

Dopo lo stupro, la paura delle studentesse: “Questa zona è diventata terribile”

E’ una serata di paura quella vissuta dalle centinaia di studenti vissuta nel quartiere Cenisia, in quegli spazi riservati agli universitari sorti negli ultimi anni tra via Monginevro, corso Vittorio Emanuele, corso Ferrucci e via Paolo Borsellino.

Tentato scippo

Una porzione di quartiere dove la scorsa notte una ragazza è stata aggredita e violentata nella sua stanza, mentre nella residenza universitaria gli studenti si apprestavano a dormire. Eppure, nonostante lo sgomento tra i giovani, la sensazione di insicurezza non è nuova a chi vive ogni giorno la zona. Chiara, che non risiede alla Borsellino ma che la frequenta spesso, racconta di essersi spaventata solo qualche settimana prima quando un uomo ha provato a scipparla. Anche la sua amica conferma una sensazione generale di paura.

Paura quando scende il buio

Che il quartiere, nonostante le continue mutazioni, viva un momento difficile lo confermano le denunce di scippi, rapine e aggressioni. Reati minori, ma che alimentano un diffuso senso di paura, soprattutto quando scende il buio. 

Risse in via Di Nanni

Poco distante, in via Di Nanni, risse e interventi delle forze dell’ordine sono pressoché quotidiani. Anche l’area tra il Cit Turin, Comala e la fermata dei bus di corso Vittorio Emanuele è spesso mal frequentata. In mezzo, nella strada che porta alla residenza Edisu Paolo Borsellino, lo scheletro dell’ex WestingHouse. Le telecamere sono ovunque, ma sembrano non bastare a scoraggiare i criminali. E gli studenti fuori sede, che a Torino dovrebbero sentirsi a casa, si scoprono insicuri

I commenti

Lorena Cannata, coordinatrice dell’Unione degli Universitari di Torino, parla dell'apice “di una lunga serie di segnalazioni circa l’insufficiente sicurezza delle residenze universitarie. Non facciamo che raccogliere numerose segnalazioni circa lo stato attuale di alcuni spazi EDISU, ultima delle quali un furto verificatosi durante il mese di agosto ai danni di diversi studenti".

Luisa Limone FLC CGIL Università Piemonte: “Interpelliamo il Presidente  Edisu sull'organizzazione delle residenze universitarie riguardo all'accaduto. Sicurezza, protezione, fiducia sono la premessa e il primo diritto per un ambiente adeguato e sereno di studio per le studentesse e gli studenti. Non sono ammissibili disattenzioni o negligenza alcuna, alla comunità intera sono dovute spiegazioni in merito". Rosangela Mesiano, rappresentante del personale nel Comitato Unico di Garanzia Università di Torino, aggiunge:" Il contrasto alla violenza di genere è e continuerà a essere incessante."

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium