/ Attualità

Attualità | 28 novembre 2022, 12:58

Settimo Torinese, con il Forum Donne due giorni contro la violenza di genere. "La parità comincia dai nomi delle strade" [FOTO]

Incontri e iniziative al parco Nilde Iotti, nella Biblioteca Archimede e al teatro Garybaldi

foto di gruppo con cartelli e manifestazione di piazza

Settimo Torinese ha celebrato la due giorni dedicata alla lotta alla Violenza sulle donne con appuntamenti, incontri e spettacoli teatrali

Due giorni di iniziative per sostenere le donne e per dire no alla violenza di genere. Anche Settimo Torinese è sceso in campo per ribadire i concetti di parità e di rispetto. E lo ha fatto con una serie di appuntamenti al Parco Nilde Iotti, presso la sala Levi della Biblioteca Archimede e al teatro Garybaldi, che ha ospitato Alessandra Faiella con lo spettacolo “Undicesimo: rispetta le donne”. A organizzare gli eventi, il Forum Donne di Settimo. 

Cartelloni, messaggi, riflessioni, racconti. Tutto è servito per rinforzare ancora una volta la comprensione di un fenomeno che non accenna a diminuire, nonostante tutto. A cominciare dai nomi di vie e piazze, da sempre intitolate solo agli uomini o, nel caso delle donne, a suore o sante. "Ci impegniamo da 11 anni in questo campo - dice Loretta Junck, referente toponomastica Femminile Piemonte - e abbiamo cominciato con il censimento toponomastico di Torino, per poi passare a tutti i Comuni italiani. Abbiamo spulciato gli stradari di tutti i centri urbani e abbiamo verificato quante sono dedicate a uomini e quante a donne. E il confronto è stato impressionante, anche se forse è stata la scoperta dell'acqua calda. Il fatto sta sotto gli occhi di tutti, da sempre. Ma per tutti è sempre stato considerato normale. E invece ci sono tante donne delle istituzioni, a partire da quelle che hanno partecipato a stilare la Costituzione. Bisogna farle conoscere ai giovani, perché saranno loro che dovranno portarci avanti e andare oltre la cultura maschilista".

E così, dalle vie, si è passati anche a una mostra che racconta il lavoro fatto in questi anni. "Abbiamo smosso pian piano le acque, creando collaborazioni e rapporti con i movimenti femministi. Stiamo riscoprendo le donne premio Nobel, le donne scienziate, le donne scrittrici e così via. Tutto serve per cambiare il panorama in tutta Italia".

Tancredi Pistamiglio

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium