/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 01 dicembre 2022, 15:00

Dehors Torino, Confesercenti al Comune: "Per il 2023 proroghiamo strutture esistenti, in attesa nuove regole"

Dopo confronto con giunta, l'assessore al Commercio Chiavarino apre a 2/3 mesi di proroga

dehors - foto d'archivio

Dehors Torino, Confesercenti al Comune: "Per il 2023 proroghiamo strutture esistenti"

In attesa della definizione delle nuove regole, proroghiamo gli attuali dehors anche per il 2023“: è questa la proposta di Fiepet-Confesercenti al Comune di Torino. Tra l'estate e l'autunno l'assessorato al Commercio, guidato da Paolo Chiavarino, ha avviato un confronto con le associazioni di categoria per elaborare un nuovo regolamento per gli spazi esterni di somministrazione dei locali. Un processo ancora in itinere. Da qui la richiesta del presidente di Fiepet-Confesercenti Fulvio Griffa "di qualche mese ancora". 

6 mln di incassi per il Comune dai 2mila dehors 

Un appello che arriva per ragioni organizzative, ma anche economiche. A Torino i dehors sono circa 2000 (escludendo quelli straordinari autorizzati durante la pandemia) e producono per le casse comunali un’entrata annua di quasi 6 milioni, di cui circa 4,2 milioni per la tassa di occupazione del suolo pubblico e 1,7 milioni per la Tari. Mediamente, ciascun locale ha due dipendenti dedicati al dehors stesso: complessivamente 4.000 addetti, per oltre 62 milioni di stipendi. 

60mila euro di fatturato dal dehors 

Circa un terzo del fatturato di un locale proviene dal spazio esterno. Considerandone uno medio per locale di 200mila euro, ogni dehors ne produce circa 60mila: dunque, il fatturato annuo generato dai 2000 dehors di Torino è di 120 milioni, entrate sulle quali le imprese pagano imposte e tasse. “Bastano queste cifre, elaborate dall’ufficio studi di Confesercenti – commenta Griffa - per rendere chiaro che per Torino i dehors sono una ricchezza e un’opportunità"

Palazzo Civico disponibile a 2/3 mesi di proroga

Disponibile al dialogo con le associazioni di categoria l'assessore al Commercio Chiavarino. "Il processo di revisione - spiega - sta andando avanti". Sulla proroga, Palazzo Civico sembra andare incontro all'appello di Fiepet-Confesercenti, ma prima dell'ufficialità è necessario un confronto con la giunta ed il sindaco Stefano Lo Russo.

"Alla luce delle loro richieste - precisa l'assessore - si potrebbe prorogare gli attuali dehors di due/tre mesi, solo lo stretto necessario per definire il nuovo regolamento".

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium