/ BuonGiro

BuonGiro | 11 maggio 2023, 08:00

La spunta Groves a Salerno ma piovono cadute: Remco fa il bis d'asfalto

Evenepoel va giù due volte, Roglic una. In volata strike di Cavendish. Oggi Napoli, dopo la pioggia incessante i corridori provano a respirare

La spunta Groves a Salerno ma piovono cadute: Remco fa il bis d'asfalto

Il pericolo è il loro mestiere. E correre in quelle condizioni è sempre un terno al lotto. Basta una disattenzione, un colpo di sfortuna, una curva presa male. O un cane che attraversa la strada.

Rimangono vittima del passaggio Evenepoel e il compagno Ballerini, fortunatamente senza gravi conseguenze. Poi nel prosieguo, sempre sotto l'acqua, 171 km di un vero calvario ricchi di grande preoccupazione, a finire per terra è stato Gaviria ai -7 così da dover dire addio alla volata e Groves. È toccato poi a Roglic in due occasioni e di nuovo a Remco ai -3 km all'arrivo con conseguenze fisiche peggiori della prima scivolata e una borraccia sfilata da un sostenitore che ha fatto, ed è proprio il caso di dirlo, lo "gnorri".

Arriva la volatona finale e Groves alza le braccia a Salerno per la prima volta al Giro dopo aver battuto Milan (pare gli sia scappata la ruota) e Mads Pedersen. Cavendish arriva quarto in caduta dopo aver sbandato contro un Fiorelli (Green Project Bardiani, settimo) che rimane in sella per miracolo spaccando alcuni cellulari dei tifosi presenti a bordo strada. Cannonball mentre scivolava sulla strada ha fatto strike colpendo Vendrame (AG2R, settimo) che è stato poi trasportato in ambulanza, Maestri (Eolo-Kometa, sesto) e Dekker (Arkea). Ottimi Dainese (DSM) quarto e Dalla Valle (Corratec) quinto. Retrocesso Dainese (Dsm) al 34esimo posto (era arrivato quarto al traguardo) per aver effettuato una deviazione dalla corsia scelta ostacolando o mettendo in pericolo un altro corridore nello sprint finale. In top ten anche Matthews e Bonifazio.

Comunque oggi ripartono nonostante i km di pioggia incessante, loro non si fermano, non fanno festa e sono pronti a dare battaglia con qualche livido in più.

IL COMMENTO TECNICO di Marco Rebagliati:

Tappa 6 di questo Giro d'Italia, la Napoli-Napoli di 162 km. Altra tappa movimentata e di difficile interpretazione, siamo alla vigilia della prima tappa "importante" per la classifica generale (l'arrivo sul Gran Sasso) e la pioggia di ieri si farà sentire nelle gambe dei corridori.

Gli uomini di classifica dovranno tenere gli occhi aperti e non farsi sorprendere da niente. Staremo a vedere se le squadre dei velocisti terranno chiusa la corsa o se gli attaccanti di giornata avranno la meglio sul gruppo.

Photo credits: LaPresse

Luciano Parodi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium