/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 20 maggio 2023, 09:05

Grande partecipazione, numeri in crescita e utile record per Banca Territori del Monviso

Consolidato il trend di crescita dell’istituto

Banca Territori del Monviso

Grande partecipazione, numeri in crescita e utile record per Banca Territori del Monviso

Con il bilancio 2022 approvato ieri dai soci, si consolida il trend di crescita di quella che, mantenendo le radici e la storia della Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura, ieri per la prima volta si è presentata in assemblea con il nome di Banca Territori del Monviso. «Nuova denominazione, ma gli stessi valori di sempre – ha precisato il presidente Alberto Osenda nel suo discorso - per testimoniare come la nostra banca sappia cambiare senza perdere la sua identità e, soprattutto, senza perdere la capacità di superare sempre se stessa». Un dato su tutti per confermarlo: oltre 9,7 milioni di utile lordo, che rappresentano un aumento del 65,11% rispetto ai 5,9 milioni del 2021.  

Anche i mezzi propri sono aumentati di quasi due milioni di euro, passando da 82,5 a 84,25 milioni, mentre il forte ampliamento della base sociale, iniziato praticamente dieci anni fa, è proseguito senza sosta: al 31 dicembre 2013, si contavano 5.150 soci, diventati a fine 2022 n. 9.111, con un’evoluzione del 77%. «A essere motivo d’orgoglio – ha aggiunto Osenda – è anche il fatto che, nello stesso periodo, abbiano deciso di entrare a far parte di Btm sempre più giovani: significa che la lunga storia del nostro istituto di credito, nato dalla fusione delle Bcc di Casalgrasso e Sant’Albano Stura fondate rispettivamente nel 1962 e 1952, è un valore percepito anche dalle nuove generazioni. Anzi, proprio queste sono la linfa vitale che ci permette di guardare al futuro con fiducia e ci ha consentito di affrontare al meglio questo periodo non facile».  

Merito anche dell’orientamento e della sensibilità di Banca Territori del Monviso in ambito Esg (Environment, social, governance), ovvero dell’attenzione all’ambiente e al sociale con azioni sostenibili. Attenzione che ha indotto molte ragazze e ragazzi a diventare soci della banca: basti pensare che, di tutti quelli registrati al 31 dicembre scorso, quasi un quarto ha meno di 30 anni, mentre uno su tre (3.148 per la precisione) è under 40. «Il futuro, per noi, non si concretizza solo implementando moderne tecnologie a servizi innovativi, che ci permettono di essere una banca al passo con i tempi – sottolinea Luca Murazzano, Direttore generale di Btm -. Il futuro è soprattutto quello delle Persone, dei nostri figli, dei nostri giovani: grazie agli ottimi risultati di bilancio, accresciamo le risorse per sostenerli, supportare le loro iniziative e la loro formazione: ciò rappresenta una delle colonne portanti della nostra mission. Ecco perché abbiamo promosso il Festival dei Giovani a Settimo Torinese; siamo sponsor principale del CSF e del BTM Basket a Carmagnola, oltre che di tante altre realtà sportive ed educative del nostro territorio; abbiamo offerto ai giovani soci la possibilità di partecipare a SeeYouSound - International Music Film Festival di Torino e sponsorizzato To-Vision, festival dei licei torinesi; abbiamo ampliato la platea degli assegnatari dei premi studio fino ai giovanissimi della terza media; forniamo gratuitamente attrezzature e materiale didattico a molti istituti scolastici del Territorio, convinti che istruzione e formazione siano, esse stesse, veicoli per garantire un futuro migliore alle nostre ragazze e ai nostri ragazzi».  

La fiducia di Btm verso le proprie comunità anche nel 2022 è stata ripagata da altrettanta fiducia da parte di soci e clienti, infatti la raccolta totale, ovvero l’ammontare di depositi e altre somme affidate alla banca, si è ulteriormente consolidata, traguardando il miliardo e 281 milioni di euro. «L’approvazione del bilancio da parte dei soci premia il nostro lavoro – ha ripreso Murazzano -. Insieme al Consiglio di Amministrazione, siamo riusciti a conciliare l’esigenza di sostenere famiglie e imprese con la cautela e la necessaria attenzione alla qualità del credito». Questa strategia ha determinato due importanti risultati: l’incremento delle risorse impegnate a supporto dei progetti di soci e clienti, con gli impieghi arrivati a superare i 537 milioni di euro, e il mantenimento della solidità finanziaria. Già riconosciuta in passato da importanti testate di settore, è stata confermata nell’ultimo bilancio da Cet1 e Total Capital Ratio al 23,72%, a fronte di un 14,8% medio del sistema bancario italiano, e un Texas ratio (rapporto tra crediti deteriorati e capitale netto tangibile) che ha raggiunto la ragguardevole percentuale del 16,14%.  

Banca Territori del Monviso opera nelle province di Cuneo e Torino con 19 filiali, conta 120 dipendenti, oltre 9.000 soci e più di 25.000 clienti. 

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium