/ Attualità

Attualità | 22 maggio 2023, 13:02

A Oulx si studia come le coltivazioni si adattano al cambiamento climatico: ecco l'orto di Luca Mercalli

Esperimenti simili sono condotti nelle zone di Caserta, Trento, Trieste, Bari e Palermo

Orto a Oulx

Al via l'eperimento per studiare l'adattamento delle coltivazioni ai cambiamenti climatici

Ha preso il via a Oulx, in alta val di Susa, l'esperimento di Nimbus, la società Meteorologica Italiana presieduta da Luca Mercalli, noto climatologo e divulgatore scientifico, per studiare il recupero e l'adattamento ai cambiamenti climatici: 50 piante di antiche cultivar, recuperate dall’Associazione Patriarchi della Natura di Forlì, sono state piantate a 1100 e a 1650 metri di quota per poter osservare e studiare come si adattano al cambio climatico. 

L'esperimento di Oulx trasforma quindi in un vero e proprio laboratorio a cielo aperto uno dei 23 Orto-Frutteti Solidali di Procter & Gamble e AzzeroCO2.

A ricoprire un ruolo significativo nella tutela della biodiversità non c’è solo l’Orto-Frutteto Solidale di Oulx: a Succivo (Caserta) si allevano viti di Asprinio di Aversa DOC su terreni confiscati alla Camorra, a Bleggio Superiore (Trento) si realizzano innesti di Noce Bleggiana, cultivar autoctona della zona e presidio Slow Food, a Trieste è stato creato un frutteto storico conservativo con specie e cultivar antiche della Giulia, a Palermo Legambiente Sicilia sta realizzando un giardino con piante a bassa richiesta idrica capace di mitigare l’isola di calore urbana, mentre a Bari l’Orto-Frutteto Solidale porta bellezza e biodiversità a San Paolo, quartiere popolare molto degradato e ad alto tasso di criminalità.

Realizzati su tutto il territorio nazionale nell'ambito del programma di cittadinanza d'impresa "P&G per l'Italia", i 23 Orto-Frutteti Solidali si estendono su circa 30.000 metri quadri e contano oltre 2.000 alberi da frutto e melliferi, che aiuteranno nel corso della loro vita ad assorbire oltre 1.000 tonnellate di CO2, a salvaguardare la biodiversità e a promuovere l’inclusione sociale e lavorativa di circa 400 soggetti fragili e a rischio di emarginazione sociale, garantendone al contempo l’autonomia economica

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium