ELEZIONI REGIONALI
 / Moncalieri

Moncalieri | 23 maggio 2023, 09:35

Moncalieri, accordo Comune-Italdesign per offrire 2500 pasti completi alle famiglie in difficoltà

Donati anche 130 pc che andranno alle associazioni del territorio. Montagna: "Una importante collaborazione pubblico-privato che spero sia replicabile"

italdesign - foto d'archivio

Moncalieri, accordo Comune-Italdesign per 2500 pasti completi alle famiglie in difficoltà

In principio era stato il caffè sospeso, iniziativa nata a Napoli e poi diffusasi un pò dappertutto, quindi (anche e soprattutto durante il lockdown) era nato il pasto sospeso, per aiutare persone e famiglie in difficoltà. Ora che l'emergenza Covid è finita, molti problemi restano ancora sul tappeto ed allora a Moncalieri una partnership pubblico-privato rilancia il concetto del pasto sospeso a favore dei bisognosi.

Accordo Comune-Italdesign

Nei giorni scorsi il Comune e Italdesign hanno firmato una convenzione per garantire 2500 pranzi completi ai nuclei del territorio più bisognosi. L'accordo, sottoscritto dal sindaco (anche dell'Unione dei comuni, che comprende Trofarello e La Loggia, ndr) Paolo Montagna e il Ceo dell'azienda Antonio Casu. Ma Italdesign non si è fermata qui, ha bissato con una seconda iniziativa, il "Pc di comunità", attraverso cui l’azienda mette a disposizione delle associazioni del territorio i computer in dotazione ai propri dipendenti che periodicamente vengono sostituiti per ragioni di efficienza.

2500 pasti sospesi

I dipendenti Italdesign che hanno deciso di aderire hanno donato un pasto sospeso della cifra di 4,50 euro. In tutto sono state raccolta 1433 adesioni a cui si è aggiunto un contributo di ulteriori mille pasti da parte dell’azienda per un totale di 2433 pasti freschi comprensivi di primo, secondo, contorno e dolce. Sarà l’Unione dei Comuni ad individuare i beneficiari a cui Carità senza Frontiere, porterà questi piatti.

Il progetto Pc di comunità

Come detto, all'iniziativa pasto sospeso si aggiunge anche il progetto "Pc di comunità". In questo caso a dare nuova vita ai computer dismessi dall’azienda sarà l’associazione Informatici senza Frontiere,  che provvederà a formattarli e ad installare nuovi programmi per il successivo utilizzo da parte di enti del terzo settore. I pc donati saranno circa 130.

Un modello che mi auguro sia replicabile, una collaborazione tra pubblico e privato che si sono ritrovati nel concetto del bene comune - sottolinea il sindaco Montagna - e che segna un coinvolgimento attivo delle persone che si prestano a donare un pezzo dei loro diritti socializzandoli con chi è meno fortunato”.

Massimo De Marzi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium