ELEZIONI REGIONALI
 / Politica

Politica | 13 settembre 2023, 11:07

Quasi un anno per una visita cardiologica urgente, Sarno (Pd) contro Cirio: "E' questa la sanità che vuole?"

“Prenotare una visita in Piemonte si trasforma in una vera e propria Odissea", attacca il consigliere regionale dem

prenotazione visita cardiologica

Quasi un anno per una visita cardiologica urgente

“Prenotare una visita in Piemonte si trasforma in una vera e propria Odissea anche per chi ha l’urgenza reale, dettata da gravi condizioni di salute, di sottoporsi a un controllo che può fare la differenza e salvargli la vita. Tra le tantissime segnalazioni che arrivano, quotidianamente, al Partito Democratico abbiamo ricevuto quella della figlia di un paziente di 73 anni, con invalidità civile al 65%, che, colpito a Ferragosto da ictus, ricoverato alle Molinette di Torino e dimesso dopo una settimana, avrebbe dovuto, dopo 5 settimane di terapia domiciliare, sottoporsi a un controllo cardiologico urgenteIl primo appuntamento disponibile per una visita cardiologica “con urgenza” è il 16 luglio 2024” spiega il Consigliere regionale del Partito Democratico Diego Sarno.


“Il Presidente Cirio ripete continuamente che la sanità piemontese rappresenta una priorità per la sua Giunta. Allora com’è possibile che per una vista codificata come urgente si debba attendere quasi un anno? Mentre nella fattispecie i tempi di attesa per la visita routine che la figlia del paziente ha cercato di prenotare inizialmente, i tempi salgono a 1 anno esatto:  settembre 2024. Allarmano, quindi, ma, purtroppo, non stupiscono, i dati del sondaggio dell'Osservatorio Sanità condotto da Nomisma per UniSalute, secondo i quali i torinesi fanno meno accertamenti del necessario, anche rispetto ad altre regioni: il 33% contro un 41% di media nel resto d'Italia. Il dato, oltretutto, è in calo rispetto al 42% del 2022,e in controtendenza rispetto alla crescita registrata dalla media nazionale e dalle altre città oggetto dell'indagine” afferma Sarno.

 

“La campagna “Stop liste d’attesa” lanciata nell’aprile scorso dal Partito Democratico per tutelare la salute dei cittadini piemontesi in una Regione in cui i tempi d’attesa per visite e esami sono troppo lunghi e spingono coloro che possono permetterselo verso la sanità privata, sta ottenendo tantissime adesioni: una prova di come la sanità pubblica sia da tutelare e ridisegnare! Occorrono investimenti e occorrono assunzioni! Non permetteremo che accedano alle cure solo coloro che possono permetterselo. La salute è un diritto universale e come tale deve essere difeso” prosegue Sarno.


Interviene, infine, Irene che ha segnalato questo caso: “Credo sia inaccettabile aver dimesso un paziente dopo un ictus con raccomandazione di effettuare le visite di controllo entro poche settimane dalla dimissione senza avergli fissato degli appuntamenti presso la stessa struttura. Ciò comporta dover ricorrere a prenotazioni per esami in regime privato per assicurarsi di effettuare i controlli necessari entro i tempi. Prenotare tramite CUP, nonostante l'urgenza riportata in ricetta medica, per avere un appuntamento dopo 10 mesi è rischioso per il paziente”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium