/ I corsivi di Virginia

I corsivi di Virginia | 12 ottobre 2023, 10:15

La fluidità del lavoro è la nuova normalità

La riqualificazione e la fluidità dei talenti stanno diventando sempre più cruciali per il successo aziendale

La fluidità del lavoro è la nuova normalità

Tra i vari fattori fondamentali della vita anche per le nuove generazioni, esistono la famiglia, l’amicizia, l’amore, l’istruzione, il divertimento e il lavoro. I giovani oggi non hanno paura della fatica, bensì quella di finire in meccanismi che snaturano il loro essere persone.

La fluidità del lavoro oggi, soprattutto per i giovani, è un argomento di grande rilevanza. Questa fluidità si riferisce alla capacità di cambiare lavoro, carriera o settore più facilmente rispetto alle generazioni precedenti.

Alcuni dei fattori chiave che influenzano la fluidità del lavoro tra i giovani includono la nuove tecnologie, la formazione continua, l’imprenditorialità e la conciliazione tra lavoro e vita.

Parlando della tecnologia queste e la digitalizzazione hanno reso più accessibile il lavoro remoto e hanno creato nuove opportunità di lavoro freelance (libero professionista) e gig economy (lavoro a chiamata, occasionale e temporaneo). Questo ha permesso ai giovani di cercare opportunità di lavoro in tutto il mondo e di adattarsi più facilmente alle mutevoli esigenze del mercato del lavoro.

Oggi, come secondo punto, i giovani investono moltissimo nella loro formazione continua per sviluppare nuove competenze o aggiornare quelle esistenti, rendendoli più adattabili alle richieste del mercato del lavoro in evoluzione.

Non dimentichiamo inoltre che questo nuovo mercato del lavoro ha aumentato il numero di giovani che cercano di avviare le loro imprese e sfruttare le opportunità imprenditoriali. La facilità di accesso al capitale di rischio e alle risorse online ha reso più accessibile l’imprenditorialità.

Resta sempre il punto più importante per questa generazione di giovani che è il bilanciamento tra lavoro e vita personale cercando opportunità di lavoro che soddisfino le loro esigenze in termini di flessibilità e benessere.
Questa incalzante fluidità del lavoro infatti può comportare sfide per il benessere mentale dei giovani. L’insicurezza lavorativa, la pressione per adattarsi rapidamente ai cambiamenti del mercato e la mancanza di stabilità possono essere fonti di stress. Pertanto, è importante che i giovani si impegnino in pratiche di auto-cura e che le organizzazioni offrano supporto per il benessere mentale dei loro dipendenti.

Ci rivolgiamo al Dott. Elo Ferrari, Senior Product Designer @Flink, che vive a Berlino, per portarci la sua esperienza personale. Attualmente si occupa di studiare le interazioni fra il cervello umano e il computer, aumentate dall’ IA (Intelligenza Artificiale) e che della fluidità del lavoro e del proprio equilibrio di benessere ne ha fatto il suo “centro gravitazionale”.

Da dove partiamo Dott. Ferrari alla ricerca di questo equilibrio?

“Nel 2010, quando ero all’ultimo anno di liceo, sembrava che il mondo conoscesse solo quattro lauree “nobili”: Ingegneria, Economia, Giurisprudenza e Facoltà di Medicina. Superati i 20 anni ci si aspetta che ci si conformi a strade già tracciate, ma le domande che si accavallano diventano: cosa succede se le persone non hanno abbastanza esperienza di vita per trovare la carriera giusta?. Come facciamo a questo livello a sapere cosa vorremmo fare in futuro?. Dopo alcuni anni di strada tracciata nel mondo universitario, mi sono entusiasmato dell’ecosistema delle startup e della sua velocità nel proporre e testare soluzioni digitali per migliorare un settore industriale distrutto. Interrompendo lo status quo. Sfidando le leggi. Questo in realtà mi stava “accendendo”. Il mondo delle start-up mi stava dando abbastanza libertà di ideazione e creatività che non potevo trovare in altre carriere (investment banking, audit, ecc.), che ho escluso a questo punto molto rapidamente, trovandomi finalmente nel giusto equilibrio della mia personale visione futura.”

Come è che riuscito a effettuare la transizione o fluidità del suo lavoro, senza sentirne la precarietà?

“Inizialmente mi sono avventurato nel magico mondo di costruire prodotti o servizi digitali per una società di consulenza affrontando diversi modelli aziendali e trasformazioni digitali. Scoprire le mie caratteristiche è stato un percorso lungo ma efficace.

Mi è sempre piaciuto esplorare e indagare su cosa stavano facendo le persone che ammiravo e quali tipi di nuove organizzazioni o nuovi ruoli stavano emergendo da un anno all’altro. Ad essere onesti, penso che questa sia una ricerca senza fine. Mentre esploravo gli spazi problematici, i punti critici, i casi d’uso, i percorsi del cliente, i modelli di business, i prototipi, pensavo che mi mancassero competenze difficili. Volevo essere in grado di fornire anch’io qualcosa di tangibile, non solo parlando di potenziali soluzioni. Il campo emergente dell’interazione uomo-computer, la progettazione UK/UI e la conseguente progettazione del prodotto corrispondevano incredibilmente bene alle mie capacità. Fondamentalmente, queste discipline mirano a risolvere i problemi e costruire la soluzione più appropriata e innovativa.

È stato per me come la spada nella roccia di Re Artù, che sbuca dal nulla e mi offre un punto debole, dove posso sentire una forte appartenenza. La verità è che avevo un capo molto illuminato che abbracciava lo sviluppo personale e la flessibilità del ruolo e credeva nella promozione dello spettro dei talenti più che nell’adesione a una descrizione del lavoro isolata.”

Dott. Ferrari la fluidità del lavoro è in realtà una cultura basata sulle competenze.

“Le persone preferiscono non essere legate o identificate da una singola specifica descrizione del lavoro. Piuttosto, passano da un’iniziativa all’altra per massimizzare l’ampiezza dei loro numerosi talenti, portando il loro vero sé autentico sul posto di lavoroInoltre, c’è anche una fluidità di apprendimento. La tecnologia ha rimosso le limitazioni che in precedenza ostacolavano i livelli di competenza dei dipendenti.
Chiunque può ora apprendere quasi tutte le competenze immaginabili attraverso piattaforme come Youtube, CourseraUdemyCodeacademyDegreed, ecc. Con l’abilitazione della tecnologia, chiunque può ora diventare un esperto in pochissimo tempo.”

Ci dia un’ indicazione finale che possa servire alla nuova generazione

“Ho 4 punti fondamentali che mi hanno aiutato a fare un salto di carriera: esci dalla mentalità che non puoi cambiare accettando il fatto che puoi, e non è mai tardi per farlo. Chiedi aiuto cercando le persone nella posizione desiderata e mettiti in contatto. Agisci studiando online gratuitamente, investendo in un corso intensivo, preparando colloqui, leggendo gli argomenti in cui desideri approfondire, partecipando ai webinar, iscrivendoti alle newsletter pertinenti per rimanere aggiornato, ascoltando i podcast, tenendoti aggiornato su quali prodotti sono stati lanciati.
Puoi imparare quello che ti piace perché, ancora una volta, grazie a Internet, hai accesso a tutti i tipi di risorse. In ultimo, sottolineo, che una delle migliori strategie per rimanere competitivi a livello professionale e avere il controllo della propria carriera è anticipare le informazioni e gli strumenti che si dovrebbero avere a portata di mano. Non aver paura di sbagliare, di rallentare la tua carriera mentre fai qualcosa che ti fa sentire felice e realizzato”

Scrivici a media@morenews.it indicando nell’oggetto “I Corsivi di Virginia” oppure seguici sulla Rubrica “I Corsivi di Virginia” su www.torinoggi.it, saremo felici di aprire un contatto diretto con te!

Virginia Sanchesi

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A FEBBRAIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium