/ Eventi

Eventi | 03 novembre 2023, 11:36

"L'Autuno. Gli Autunni" a Palazzo Lomellini di Carmagnola dal 17 novembre

L'esposizione di 44 artisti

"L'Autuno. Gli Autunni" a Palazzo Lomellini di Carmagnola dal 17 novembre

Un folto gruppo di 44 artisti, tutti appartenenti all’Associazione “Amici di Palazzo Lomellini”, operante in unione con il Comune di Carmagnola e l’Assessorato alla Cultura, propone la mostra “L’Autunno. Gli Autunni”, curata da Elio Rabbione nelle sale di Palazzo Lomellini con ricchezza di tecniche, oli e tecniche miste e acquerelli su supporti differenti.

 

L’inaugurazione è in programma venerdì 17 novembre 2023 alle ore 18:00 e la mostra rimarrà allestita e visitabile sino al 17 dicembre, ad ingresso libero e con i seguenti orari di visita: giovedì, venerdì, sabato dalle ore 15,30 alle ore 18,30; domenica dalle 10,30 alle 12,30 e dalle 15,30 alle 18,30.

 

“Un percorso pittorico, con un paio di incursioni scultoree – racconta Elio Rabbione - che attraversa innanzitutto quei mesi che ci immettono nel freddo più concreto (qualcuno degli artisti nello spazio che lo riguarda ha parlato anche di “vuoto”) dell’inverno. Mesi dove è contemplata sì la stagionalità, quindi i boschi ingialliti, le ombre più marcate e i raggi del sole che a fatica riescono a intrufolarsi nel folto, i frutti di queste giornate e anche i mercati che li espongono, le nebbie e i pensieri che vanno alla stagione calda appena trascorsa, i fiori nuovi in crescita, i cieli che iniziano a ingrigire”.

 

“Il volto di una stagione, e non soltanto. Poiché la mostra vuole mettere in evidenza anche simbolicamente Gli Autunni – prosegue il curatore - ampliando il titolo e lo sguardo, soffermandoci un attimo al di là del suo significato più immediato, che ha le sembianze più nascoste di una “discesa” o di una rinuncia, di un affievolirsi dei sentimenti, di una civiltà che sta infelicemente esponendo i propri tratti ormai più affievoliti, di un’epoca che è lo specchio ostile di un comportamento, di un falso ragionare e di un pretesto, di una violenza, di una lotta; di uno scavo a tratti anche sgradito nell’area dei ricordi, nel voltarsi indietro a cercare una speranza, a guardare fuori della finestra a rintracciare un po’ di luce, di un’età non più brillante e dei volti segnati dal tempo, del disagio mal sopportato che può sorprendere ognuno di noi”.

 

“L’Autunno. Gli Autunni” è l’ennesima occasione per riunire nelle sale di Palazzo Lomellini un buon gruppo d’artisti (tra gli altri, Andreina Bertolini, Anna Branciari, Giorgio Cestari, Dario Cornero, Giancarlo Costantino, Ezio Curletto, Vincenzo Del Duca, Lidia Delloste, Mariarosa Gaude, Giacomo Gullo, Lia Laterza, Giancarlo Laurenti, Adelma Mapelli, Bruno Molinaro, Anna Maria Palumbo, Elio Pastore, Luisella Rolle, Giacomo Sampieri e Mara Tardon), estremamente attivi, affermati in mostre e premi. Nuova occasione per presentare opere non nuove o recentissime, il momento per invitare il pubblico a guardare con ammirazione, a giudicare, a raffrontare, in uno scambio di vivaci idee che non possono non essere l’anima efficace e sempre viva di ogni percorso artistico. Un’occasione per ritrovarsi, per gustare ancora una volta quella socialità di cui molti, oggi, sentono il bisogno.

 

Il Vice Sindaco e Assessore alla Cultura Alessandro Cammarata presenta così la mostra:

“Le sale della nostra Galleria ospitano nuovamente gli artisti dell’Associazione “Amici di Palazzo Lomellini”, il cui gruppo è recentemente cresciuto. Quasi una cinquantina, oggi, a rivestire d’immagini nelle più differenti tecniche, il soggetto dell’autunno: in un titolo ampliato che esprime “L’Autunno. Gli Autunni”.

Artisti invitati a riflettere su un unico tema, per ripensare alla stagionalità come al tempo delle confessioni, dei ricordi, del tramontare di un sentimento o di un pezzo di vita, privata o pubblica.

Un’occasione, anche per i visitatori, per soffermarsi dinanzi a ciascuna delle opere e ripensarle in questi termini, magari adattandole alle proprie esperienze e alla sensibilità che ognuno di noi nutre.

Un’opportunità per costruire un percorso personale ed esprimere emozioni collettive all’interno di un luogo che, ogni giorno di più, è considerato un perfetto contenitore di cultura e di incontri, rappresentazione eccellente del volto culturale della nostra Città”.

comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium