/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2023, 11:52

"Senza donne non se ne parla": a Torino patto per la parità di genere

Protocollo tra Regione Piemonte, il Comune, la Città Metropolitana, il Politecnico e l' Università di Torino

firma protocollo no women no panel

"Senza donne non se ne parla": a Torino patto per la parità di genere

In Italia non mancano le leggi che sanciscono le pari opportunità fra uomo e donna, a partire dalla Costituzione. Eppure ancora oggi, di fronte ad una disparità molto diffusa, si sente più che mai viva la necessità di reclamare spazio e ruolo per le donne nel dibattito pubblico. 

Il protocollo 

In quest'ottica la Rai ha introdotto in Italia la campagna europea "No Women No Panel - Senza donne non se ne parla" per promuovere la parità di genere. Oggi la Presidente Rai Marinella Soldi ha siglato il nuovo protocollo d'intesa, a cui hanno aderito la Regione Piemonte, il Comune, la Città Metropolitana, il Politecnico e l' Università di Torino. 

Lo Russo: "In Giunta più donne su base competenza, non quote" 

"Sono molto contento - ha sottolineato il sindaco Metropolitano Stefano Lo Russo - che questa firma venga fatta a Torino. Come Comune abbiamo realizzato la parità di genere nella Giunta: anzi la maggioranza degli assessori sono donna".

"Questo - ha aggiunto - è avvenuto in maniera spontanea, sulla base della competenza, non delle quote".

"Anche nella gestione della macchina comunale - ha aggiunto la vicesindaca della Città di Torino Michela Favaro - c'è un buon bilanciamento nelle rappresentanze. Questa iniziativa ci impegna nel nostro ruolo di rappresentanti delle istituzioni a contribuire ad un cambiamento culturale necessario". 

Cirio: "Nostro impegno applicare questi strumenti" 

"Nei CdA e nelle elezioni - ha aggiunto il presidente Alberto Cirio - dobbiamo rispettare le quote di genere: in un paese normale, azioni come queste non dovrebbero essere necessarie. Fino a quando questo non sarà la normalità, è nostro impegno applicare questi strumenti di incentivo e correttivo del sistema".

"Siamo - ha concluso la Presidente della Rai Marinella Soldi - nel Museo Nazionale del Risorgimento Italiano: da Anita Garibaldi in poi, molte furono le donne che contribuirono a fare la storia del Risorgimento".

"Guardiamo ad un futuro - ha aggiunto - in cui il genere non sia più un ostacolo e si valorizzi la ricchezza che la diversità di ogni tipo crea: parlare di parità non è una moda, ma una rivoluzione culturale e questa firma lo testimonia".

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium