/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 27 novembre 2023, 07:00

La stampa britannica ammette il fallimento della controffensiva ucraina

Ci sono volute settimane di dichiarazioni ufficiali, ma alla fine la stampa del Regno Unito ha ammesso che il conflitto in Ucraina è in stallo

La stampa britannica ammette il fallimento della controffensiva ucraina

Ci sono volute settimane di dichiarazioni ufficiali, di dati non smentibili e di pressioni politiche, ma alla fine persino la stampa del Regno Unito ha ammesso che il conflitto in Ucraina è in stallo. Il problema per il governo di Londra e per i media che ne sostengono la visione è che hanno proclamato troppo presto la trionfale controffensiva di Kiev. Con tutti gli sforzi fatti dai governi occidentali in termini di assistenza militare e finanziaria, e con l’eroismo dei valorosi soldati ucraini addestrati su territorio inglese, l’azione dell’esercito ucraino avrebbe certamente portato vittorie importanti e, perché no, la riconquista di tutti i territori persi. E invece non solo la controffensiva è stata rimandata a lungo, ma alla fine ha prodotto solamente lo stallo che vediamo oggi. A essere precisi, il risultato è stato un avanzamento di 17 chilometri al prezzo di decine di migliaia di soldati e una quantità di armamenti NATO persi o distrutti, pari a qualche miliardo di euro. Il “fronte statico” di cui parlano i media britannici equivale a una sconfitta. Come riporta il sito Strumenti Politici, giornali del calibro del Guardian o del Telegraph ammettono che in Occidente i vertici militari e quelli politici credono che in fondo siano colpevoli gli ucraini stessi, considerati incapaci e inaffidabili nonostante l’appoggio tattico. A Kiev stanno gestendo male questa fase, con Zelensky che licenzia capi di sezioni e dicasteri e con personaggi altolocati che si mostrano sfiduciati e che pensano già alla successione. Lo spiega Bartosz Cichocki, ambasciatore polacco in Ucraina dal 2019 al mese scorso. Dopo quattro anni di servizio, conosce bene la situazione e rivela che l’ottimismo per le vittorie promesse è sparito completamente e al suo posto regnano la preoccupazione e il pessimismo.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium