/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 29 novembre 2023, 12:45

Sport Betting ed Enti Regolatori Stranieri

Data la costante crescita del gioco a distanza, è in aumento anche l’esigenza di una solida regolamentazione al fine di tutelare il consumatore e di combattere l’illegalità del settore.

Sport Betting ed Enti Regolatori Stranieri

Data la costante crescita del gioco a distanza, è in aumento anche l’esigenza di una solida regolamentazione al fine di tutelare il consumatore e di combattere l’illegalità del settore. Ma con il web - il luogo senza confini per eccellenza - le cose si complicano. 

La gente da tutto il mondo potrebbe aderire erroneamente ad un servizio degli operatori di scommesse all’estero non autorizzato nel territorio di residenza (quindi non in possesso di apposita licenza) o addirittura rivolgersi a un operatore in tutto e per tutto non controllato e non regolamentato. 

Il primo ente a riconoscere questa problematica è proprio il Comitato economico e sociale internazionale in Europa (CESE). Vediamo, quindi, cosa prevede la normativa EU per il gioco d’azzardo online e quali sono gli enti regolatori per alcuni degli Stati membri.

Cosa Dice la Normativa Estera Europea sul Betting Online

Il Comitato economico e sociale europeo (CESE) riconosce che ad oggi non è né disponibile né attuabile una normativa comunitaria per il betting online e, di conseguenza, riconosce come indispensabile la collaborazione degli Stati membri.

Infatti, relativamente al proprio territorio di competenza, si richiede ad ognuno di sensibilizzare e informare i cittadini su come avere successo scommettendo online su siti legali e di attuare le dovute azioni finalizzate a combattere gli operatori che offrono un servizio illegale.

La normativa europea prevede alcune misure che tutelano i consumatori e che aiutano a riconoscere le piattaforme regolarmente autorizzate (e non). Si tratta di

la pubblicazione da parte delle autorità di regolamentazione nazionali delle cosiddette liste nere e delle liste bianche dei concessionari autorizzati;

l'esposizione del logo dell'autorità di regolamentazione competente all’interno della pagina iniziale (homepage) della piattaforma di bookmaker;

l’utilizzo di software provvisti di una certificazione comune UE apposta da enti specializzati esterni;

l’attuazione di una serie di misure volte a proteggere i dati dei consumatori e ad autorizzare solo le modalità di pagamento sicure e tracciabili. 

Ciò non toglie che gli Stati membri possano applicare (oltre alle suddette disposizioni) misure di protezione più restrittive per garantire una maggior tutela dei scommettitori all’interno del territorio nazionale oltre che per contrastare le frodi e il riciclaggio di denaro. 

Enti Regolatori Internazionali: Regno Unito, Spagna, Malta, Francia

Il gambling a distanza non è, quindi, soggetto a una normativa europea completa e uniforme e le leggi che regolamentano il settore cambiano di stato in stato. Ma se è noto che sono legali solo i casino online AAMS ed i bookmakers italiani come funziona negli altri Stati membri?

Vediamo quali sono enti regolatori degli operatori di betting a distanza per Regno Unito, Spagna, Malta, Francia.

UK Gambling Commission

La UK Gambling Commission, attiva dal 2007, è l’autorità che regolamenta il gioco a distanza nel Regno Unito e persegue un duplice obiettivo: favorire il gioco legale e prevenire la ludopatia (cioè la dipendenza dal gioco).

Si tratta di un ente pubblico indipendente che si occupa di effettuare i controlli per verificare che gli operatori rispettino la normativa vigente e che concede le autorizzazioni ai casinò, ai siti di scommesse oltre che per le lotterie, il bingo e i software di gioco.

Dirección General de Ordenación del Juego (DGOJ)

In Spagna è la Dirección General de Ordenación del Juego che si occupa di regolamentare, autorizzare, vigilare, coordinare e controllare il gambling in ogni sua forma oltre che di sanzionare gli operatori illegali.

Si tratta dell’organo di governo che appartiene al Ministero dei Consumi ed è stato fondato nel 2011.

Malta Gaming Authority (MGA)

La Malta Gaming Authority nasce nel 2001 con l’obiettivo di regolamentare l’intero settore del betting, sia online che sul territorio tramite sale gioco fisiche. Le norme previste mirano a combattere la criminalità oltre che a tutelare i minori e i soggetti vulnerabili.

Questo ente si occupa dei controlli preliminari finalizzati al rilascio delle licenze MGA (che sono suddivise per classi, in base alla tipologia di gioco) e della supervisione necessaria a garantire che l’ambiente sia legale e sicuro.

Autorité Nationale des Jeux (ANJ) 

Nel 2020 la Francia affida la regolamentazione del bookmakers a l’Autorité Nationale des Jeux, l’autorità amministrativa indipendente che si occupa di implementare tutte le attività e le misure di sicurezza necessarie. 

Ad esempio, rilascia le autorizzazioni, controlla gli standard degli operatori in attività, combatte il riciclaggio di denaro e le frodi, si occupa della tutela dei consumatori e della protezione dei soggetti vulnerabili. 


 

 


 

 

Pubblicitá

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium