/ Attualità

Attualità | 10 febbraio 2024, 15:53

Il Teatro Regio come trampolino di lancio: la storia di Domenico Cimarosa, da Aversa al palco di Torino

Il celebre compositore campano trascorse un breve soggiorno in città, mentre due sue opere andarono in scena: "L'Artaserse" e "Volodimiro"

teatro regio

Il Teatro Regio, palcoscenico di artisti italiani ed internazionali: Domenico Cimarosa

La città di Torino possiede, tra le sue tante ricchezze, anche molti teatri che hanno fatto da palcoscenico - è proprio il caso di dirlo - a numerosi artisti che vi si sono esibiti o che vi hanno portato i propri composizioni. Una vera rampa di lancio, insomma, preziosa anche per chi era nato a parecchi chilometri di distanza, ma qui trovavano la loro consacrazione.

Il Teatro Regio, ad esempio, è stato un palco molto importante per Domenico Cimarosa, compositore campano (era nato ad Aversa) che ha visto nel giro di pochi anni la messa in scena di due sue opere.

Si tratta dell'Artaserse (dramma per musica in tre atti, il libretto è di Pietro Metastasio), messo in scena nel dicembre del 1784, il giorno di santo Stefano, e il Volodimiro (dramma per musica in tre atti, il libretto è di Giandomenico Boggio) presentato al pubblico tre anni dopo, nel periodo di carnevale del 1787.

La stesura di tali componimenti appositamente per il Teatro Regio ha contribuito a dare ulteriore lustro al capoluogo sabaudo, nel corso della sua storia. Ma al tempo stesso ha rappresentato un impulso importante per la carriera del compositore aversano.

Federica De Castro

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium