/ Sanità

Sanità | 04 aprile 2024, 12:22

Ospedale unico dell’Asl To5: “Garantirà servizi sanitari migliori”

Il consigliere regionale uscente Davide Nicco (Fdi) fa il punto sulla trasformazione della sanità nel Chierese, Carmagnolese e Moncalierese

Davide Nicco

Davide Nicco

In questi 5 anni di mandato, la Regione ha individuato la sede dell’ospedale unico nell’ex autoparco militare di Cambiano e avviato l’iter per costruire una nuova struttura di riferimento per Chierese, Carmagnolese e Moncalierese. Il consigliere regionale uscente Davide Nicco (Fdi), che affronterà la prossima campagna elettorale con Marina Bordese (vicesindaco di Villafranca Piemonte), spiega l’importanza dell’opera, il suo inserimento nello scacchiere sanitario e le migliorie alla viabilità, che sono state pensate per raggiungerlo 

Qual è l’importanza del nuovo ospedale unico dell’Asl To5?

Il territorio dell’Asl To5 può contare attualmente su tre ospedali di medie dimensioni a Chieri, Carmagnola e Moncalieri. Tutti e tre sono collocati in edifici storici, poco adatti alle moderne esigenze sanitarie e molto costosi da mantenere e adeguare, in particolare per le esigenze della medicina più specialistica.

Un ospedale completamente nuovo come quello che sorgerà a Cambiano porterà a una migliore qualità dei servizi garantiti ai cittadini e a minori costi di manutenzione per le strutture. Erano più di trent’anni che l’area del Chierese e Carmagnolese aspettava il nuovo ospedale. E il fatto che, dopo tante battaglie e promesse, siamo riusciti a portare felicemente a termine questo risultato proprio durante il mio mandato di consigliere regionale è un traguardo che mi riempie di soddisfazione. 

Come sarà migliorata la viabilità per raggiungerlo?

Insieme al varo del nuovo ospedale tra Cambiano e Santena è stato anche approvato un mio ordine del giorno che impegna gli enti coinvolti a costruire una nuova circonvallazione per l’abitato di Villastellone che favorisca un accesso più rapido e sicuro all’ospedale dal Carmagnolese e dal Carignanese anche ai mezzi di soccorso. L’idea è far sì che questa circonvallazione possa essere funzionale anche al Comune di Santena con la creazione di un terzo ponte sul torrente Banna, che metta l’abitato in collegamento con l’ospedale attraverso la parte sud. Mentre il progetto della circonvallazione è già pronto, questa sua variante è ancora da approfondire: cosa che farà la prossima Giunta Regionale, e che mi impegno naturalmente a seguire nella prossima legislatura. Abbiamo cinque anni utili per realizzarla, in tempo per l’entrata in funzione del nuovo ospedale di Cambiano.

Come si inserisce il nuovo ospedale di Cambiano nella sanità di Chierese, Moncalierese e Carmagnolese?

Il nuovo ospedale di Cambiano non è il solo risultato che il territorio dell’Asl To5 ha ottenuto dalla Regione in questo mandato. Il riassetto e ammodernamento della sanità regionale interviene infatti anche rendendo sempre più capillari e distribuiti sul territorio quei presidi sanitari intermedi che devono garantire i servizi di prossimità al cittadino. Così, nell’area sono stati approvati e avviati alla realizzazione ospedali e case di comunità - ovvero centri medici per le cure meno invasive - a Trofarello, Poirino, Carignano, La Loggia, Carmagnola, Chieri, Vinovo e Castelnuovo Don Bosco.  Gli ospedali di Carmagnola, Chieri e Moncalieri non saranno chiusi e venduti come aveva previsto in precedenza la Giunta Chiamparino, ma rimarranno a disposizione dei cittadini come presidi medici territoriali. E dopo molti anni la popolosa frazione Favari-Avatanei ha finalmente avuto la sua farmacia. Tutte queste nuove strutture, insomma, rappresenteranno una ‘rete sanitaria’ più vicina ai territori, che permetterà ai cittadini di avere più servizi nei pressi della propria residenza, minimizzando gli spostamenti e massimizzando la qualità delle prestazioni offerte.

Comunicazione politica

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium