ELEZIONI REGIONALI
 / Cronaca

Cronaca | 19 aprile 2024, 09:30

Reati tributari per 2 aziende che lavorano la pietra di Luserna, sequestrato un milione di euro

L'operazione della Finanza ha portato anche a denunciare due aziende

L'operazione della Finanza ha portato anche a denunciare due aziende

L'operazione della Finanza ha portato anche a denunciare due aziende

La Guardia di Finanza di Torino ha sequestrato oltre un milione di euro a due società operanti nel settore della produzione, lavorazione e commercializzazione del “gneiss lamellare” (la nota “Pietra di Luserna”, tipica del territorio della Val Pellice).

I reati

Le indigani, condotte dalla Compagnia di Pinerolo nell’ambito dell’operazione  “Rolling Stones”, sono scaturite da attività ispettive tributarie, che hanno interessato anche ulteriori soggetti economici operanti nel medesimo settore. Al termine gli amministratori delle due società - ritenuti responsabili di omessa dichiarazione, occultamento e distruzione di documenti contabili e sottrazione fraudolenta al pagamento di imposte - sono stati denunciati.

Secondo la ricostruzione degli inquirenti, le due società sarebbero inoltre subentrate nell’attività svolta da un terzo soggetto economico facente capo ai medesimi rappresentanti legali, determinandone il depauperamento del patrimonio sociale e delle disponibilità finanziarie e rendendolo insolvente nei confronti dell’Erario, nonché “al riparo” da una eventuale procedura di riscossione coattiva.

Coinvolto studio di consulenza legale

Nell'indagine è risultato coinvolto anche uno studio di consulenza legale con sede nel capoluogo piemontese, che avrebbe verosimilmente coadiuvato le suddette società nel concretizzare gli illeciti ipotizzati. Il Tribunale di Torino ha quindi disposto il sequestro di oltre 862mila euro in denaro e 270 mila euro in beni aziendali, entrambi eseguiti dalle Fiamme Gialle.

redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium