/ Attualità

Attualità | 07 maggio 2024, 12:00

A Torino aumentano i TSO: nasce l'Osservatorio sui trattamenti sanitari obbligatori

Ogni anno disposti circa 200 interventi

palazzo

Ogni anno disposti circa 200 interventi

Nel quinquennio 2019-2023 a Torino è cresciuto il numero di Accertamento Sanitari Obbligatori e dei Trattamenti Sanitari Obbligatori: ogni anno sono stati disposti circa 200 interventi, con un conseguente aumento dei carichi di lavoro degli operatori.

Questa mattina la giunta ha dato il via libera all’istituzione dell’Osservatorio sui trattamenti sanitari obbligatori della Città, in collaborazione con il Dipartimento di Giurisprudenza dell'Università degli Studi di Torino, il Dipartimento di Culture, Politiche e Società dell'Università degli Studi di Torino, il Garante dei diritti delle persone private della libertà personale del Comune di Torino, l’Azienda sanitaria locale Città di Torino, A.U.O. Città della Salute e della Scienza e il Tribunale di Torino.

Gli obiettivi

La convenzione avrà una durata di 36 mesi, con possibilità di rinnovo. Tra gli obiettivi dell’ente accrescere la conoscenza del fenomeno dei trattamenti sanitari obbligatori, delle situazioni in cui ne matura la necessità, approfondirne l'impatto sui servizi socio-sanitari della città e la tutela dei diritti delle persone coinvolte attraverso analisi scientifiche accurate, anche al fine di individuare buone pratiche da perseguire.

 

Lo scorso anno, la Città ha approvato la sottoscrizione di una Convenzione annuale, finalizzata all’istituzione di un Gruppo di ricerca e studio sui temi degli Accertamenti Sanitari Obbligatori (ASO) e dei Trattamenti Sanitari Obbligatori (TSO), per arrivare infine all'Osservatorio. Nel periodo marzo 2023 - marzo 2024, il Gruppo di ricerca e studio ha svolto un’analisi di tutti i fascicoli riguardanti i TSO svolti nella Città di Torino nel quinquennio 2019-2023.  

Cinzia Gatti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium