/ Politica

Politica | 12 luglio 2019, 22:22

Salone dell'auto, Di Maio tace con la stampa ma gli attivisti Cinque Stelle hanno trovato il colpevole: "Milano ci scippa le cose che funzionano"

Per i militanti Montanari "incauto" nelle dichiarazioni pubbliche

Salone dell'auto, Di Maio tace con la stampa ma gli attivisti Cinque Stelle hanno trovato il colpevole: "Milano ci scippa le cose che funzionano"

Le parole piú frequenti sono speranza, svolta, ma anche scippo e ingiustizia.

Gli attivisti piemontesi e valdostani del Movimento Cinque Stelle, che in serata hanno incontrato il vicepremier Luigi Di Maio (che è andato via senza rilasciare dichiarazioni), difendono a spada tratta la sindaca Appendino, condannando, seppur mai in modo esplicito, il suo vice Guido Montanari "incauto" nello schierarsi pubblicamente contro il Salone dell'auto, che dall'anno prossimo si svolgerà a Milano.

Proprio il capoluogo lombardo è il bersaglio preferito degli attivisti pentastellati. "Le cose che a Torino funzionano Milano ce le scippa. Si tratta di scorrettezze politiche che vanno avanti da trent'anni e che non dovrebbero essere permesse", dice Franco Trivero, militante della Val di Susa.

"Io come altre persone del Movimento eravamo a favore dei Giochi invernali, ma lo Stato a noi non dava un euro, mentre per Milano il trattamento è stato differente. È vero anche - conclude Trivero - che alcuni dei nostri sono eccessivamente integralisti e dovrebbero fare un passo indietro".

Per Silvia Cossu, ex consigliera comunale a Leiní "gli organizzatori del Salone dell'auto avevano già deciso di andare via da Torino, ma non mi sembra una perdita cosí importante, anche perché il Salone è già stato organizzato nel capoluogo lombardo ma non aveva destato nessun clamore".

Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium