/ Attualità

Attualità | 19 settembre 2019, 08:02

Una residenza universitaria privata al posto dell'ex Pastore di Corso Novara

Presentato il progetto, che vede Coop in prima fila, per la costruzione di un struttura da 307 posti letto, un supermercato e un ristorante. Il neo-assessore Iaria: “Altre trasformazioni in vista”

Una residenza universitaria privata al posto dell'ex Pastore di Corso Novara

Novità in vista per l'ex stabilimento Pastore: nel quadrilatero compreso tra Corso Novara, Via Perugia, Via Padova e Via Pedrotti sorgerà, infatti, una residenza universitaria privata da 307 posti letto comprensiva di un supermercato specializzato in prodotti alimentari, un ristorante innovativo con un'offerta pensata appositamente per gli studenti (entrambi aperti al pubblico), un parcheggio multi-piano e vari servizi destinati agli utenti. L'annuncio è stato fatto ieri durante un'apposita Commissione in Circoscrizione 7 con la partecipazione del neo assessore all'urbanistica Antonino Iaria.

I lavori (realizzati da Co.Ge.Fa, ndr), totalmente finanziati da investitori privati tra cui Coop, interesseranno un'area di circa 10mila metri quadrati e richiameranno la struttura originaria dello stabilimento: “La nostra idea – ha spiegato l'architetto Cristiano Picco, autore del progetto – conferma la volontà di recuperare immobili che costituiscono una testimonianza della cultura economica e industriale della città, con un'identità che viene rinnovata”. 

Gli interventi includeranno anche il verde pubblico circostante e una viabilità tutta nuova, comprensiva della realizzazione di una nuova pista ciclabile tra Corso Palermo e Via Bologna: “Via Perugia – ha proseguito Picco – e Via Amalfi diventeranno a senso unico, da Corso Novara a Via Padova e viceversa. In questo modo verrà recuperato spazio per nuovi posti auto su strada, mentre sullo stesso corso è in previsione una rotonda con la contemporanea piantumazione di alberi e il rifacimento dei marciapiedi”.

Decisamente soddisfatti per l'evolversi della situazione anche gli interlocutori politici: “Nei prossimi mesi – ha promesso Iariaci saranno aggiornamenti anche sull'area di Ponte Mosca e sulle ex Ogm: tutto questo è il frutto di un nuovo schema di intervento che vede la Sindaca e gli assessorati ad urbanistica, ambiente e commercio collaborare insieme per concludere l'iter di questi processi”. A fargli eco è stato il presidente della Circoscrizione 7 Luca Deri, che però ha avvertito: “Per le Ogm faremo pressing a tutto campo per far rispettare la deadline di novembre, fissata a suo tempo dall'ex assessore Montanari. Questo intervento sarà utile sia per la riqualificazione del quartiere che per la grande richiesta di posti letto per studenti, visto che sul nostro territorio ci sono il Campus Einaudi e lo IAAD”.

L'apertura del nuovo polo è prevista per l'estate del 2020, mentre la residenza universitaria (sulla cui gestione viene mantenuto il più stretto riserbo) verrà inaugurata a settembre; buone notizie anche per i residenti in cerca di occupazione: per la selezione dei 50 posti di lavoro disponibili, infatti, Coop ha annunciato corsie preferenziali per chi abita in zona.

Marco Berton

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium