/ Eventi

Eventi | 15 dicembre 2019, 11:00

A Pinasca il bosco si popola con una cinquantina di presepi

Non solo bambini, ma anche abitanti del posto, associazioni e enti, hanno posizionato le loro composizioni lungo il sentiero di Dubbione che parte da ponte Annibale

A Pinasca il bosco si popola con una cinquantina di presepi

Una cinquantina di presepi, disseminati lungo un percorso naturalistico finora conosciuto solo per metà. Hanno risposto in molti, tra famiglie e associazioni, all’invito di Scoprimontagna (gruppo del Cai Pinasca e del Cai Val Germasca) e del Comune di Pinasca di posare una propria scena della natività - realizzata artigianalmente e perlopiù con materiale riciclato - nel bosco lungo l’itinerario ad anello con partenza da Dubbione, in vicolo Rio, vicino al ponte Annibale e che tocca via Podio, piazza Maccari e via Grandubbione. Il Sentiero dei Presepi è stato inaugurato domenica 8 dicembre, le natività rimarranno allestite fino al 6 gennaio, ed è percorribile in autonomia poiché dotato di segnaletica direzionale. Gli organizzatori inoltre invitano a posizionare ancora le proprie creazioni.

«L’intenzione è quella di valorizzare i sentieri naturalistici più importanti come questo che costeggia il rio Grandubbione – spiega il sindaco di Pinasca, Roberto Rostagno – così abbiamo creato un’iniziativa che, assieme alla Fiaccopedalata, alla bagna càuda e all’inaugurazione del presepe meccanico, ha aperto lo scorso fine settimana il calendario di manifestazioni natalizie che quest’anno siamo riusciti a proporre in modo organico».

Proprio alla partenza del sentiero, c’è il classico presepe meccanico visitabile nell’oratorio S. Paolo, vicino al ponte Annibale: «L’allestimento, ingrandito e rinnovato, rimarrà aperto tutto il mese di dicembre fino al 6 gennaio nei giorni di sabato, domenica e i festivi dalle 15 alle 18» aggiunge Rostagno.

Sistemate tra radici, pietre e tronchi, invece, le natività dislocate lungo il sentiero non sono indicate, vanno quindi scoperte come in una vera e propria caccia al tesoro. Motore dell’iniziativa è Scoprimontagna, il progetto del Cai di Pinasca e di quello della Val Germanasca, che promuove l’avvicinamento alle escursioni per i bambini dai 6 anni ai 12 anni. Michele Ferrero è uno dei soci del Cai di Pinasca che segue bambini e ragazzi: «L’idea di posizionare in questa zona le composizioni è nata anche per valorizzare un percorso ad anello che è conosciuto da molti solo nella prima parte, mentre le tappe del ritorno sono meno frequentate. La durata complessiva del tragitto varia da un’ora e mezza a due ore».

L’intuizione del Cai ha ricevuto appoggio non solo dai bambini ma anche dagli abitanti del luogo e da enti e associazioni che hanno partecipato posizionando il loro presepe, come sottolinea Ferrero: «Sono intervenuti Avis, Centro socio terapico di Perosa Argentina, Corale Pinaschese, la scuola primaria Hurbinek e la scuola dell’infanzia Cipì. Anche l’Aib sta preparando la sua natività».

Elisa Rollino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium