/ Sanità
Estate 2020 ad Abano Terme: intervista al sindaco Federico Barbierato

Salute e natura, cultura ed enogastronomia: sono questi i pilastri della proposta a "Km 0" del Comune di Abano Terme per l'estate 2020. Che tipo di vacanza verrà offerta? Come verranno accolti i turisti? Ne parliamo con il sindaco, Federico Barbierato

Pubblicato da Torino Oggi su Martedì 5 maggio 2020

Sanità | 10 maggio 2019, 16:40

Servizi psichiatrici: i Cub protestano davanti alla sede dell'Asl Città di Torino per le condizioni di lavoro [VIDEO]

"Con la privatizzazione, i dipendenti di ditte e cooperative si trovano a operare in situazioni che un dipendente pubblico non accetterebbe mai, anche con turni di 50 ore in tre giorni o con partite Iva che in realtà non sono veri liberi professionisti"

Servizi psichiatrici: i Cub protestano davanti alla sede dell'Asl Città di Torino per le condizioni di lavoro [VIDEO]

Bandiere e proteste, questa mattina, davanti alla sede dell'Asl Città di Torino di via San Secondo. A manifestare, i Cub della Sanità e alcuni lavoratori dei servizi di psichiatria afferenti alla zona nord di Torino.

Protestano denunciando condizioni di lavoro sempre più pesanti, come spiega Alessandro Zanetti, referente Cub Sanità Torino: "Sono le conseguenze della privatizzazione dei servizi di psichiatria: la Asl accetta situazioni in cui il personale che è dipendente delle cooperative o delle ditte private viene trattato malissimo, in condizioni che un dipendente pubblico non accetterebbe mai e non si capisce perché dovremmo accettarle noi".

Secondo i dati elaborati proprio da Cub Sanità, nelle Comunità Terapeutiche di Torino Nord, nel 2017 - anno della completa privatizzazione  le ditte private che le gestiscono avrebbero realizzato un utile di circa 1.600.000 euro su un fatturato di 5.600.000, cioè quasi il 30% di utile (già pagate le tasse) e passando da una gestione mista ad una privata hanno aumentato il loro fatturato di 460.000 euro e il loro utile di 490.000 euro.

"Ma intanto ci sono lavoratori che sostengono turni anche di 50 ore in tre giorni, oppure partite Iva che sono in realtà falsi liberi professionisti", prosegue Zanetti, "il tutto per cercare di guadagnare il massimo possibile, mentre il paziente si ritrova con un servizio peggiore, visto che l'infermiere è molto stanco. I lavoratori coinvolti sono oltre 50".

 

Massimiliano Sciullo

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium