/ Cronaca

Cronaca | 22 maggio 2020, 06:00

Oggi Festa di Santa Rita "ridotta": nessuna processione e distribuzione delle rose, messa aperta solo ai volontari

Domenica anche i festeggiamenti di Maria Ausiliatrice si terranno in forma “ridotta” e senza la tradizionale processione

Oggi Festa di Santa Rita "ridotta": nessuna processione e distribuzione delle rose, messa aperta solo ai volontari

Con la Fase 2, tornano le celebrazioni nelle chiese di Torino. Per la Festa di Santa Rita, questa sera alle 21 l’arcivescovo Monsignor Cesare Nosiglia presiederà l’unica Santa Messa in Santuario, alla sola presenza dei volontari che avranno prestato servizio nella giornata. Il rito sarà trasmesso in streaming sul sito www.srita.it.

Per evitare assembramenti e garantire la sicurezza dei fedeli, nel rispetto del Protocolli della CEI, è annullata la processione e la tradizionale distribuzione e benedizione delle rose. ”Le celebrazioni solenni e il rito dei fiori” – spiega don Roberto Zoccalli, parroco rettore del Santuario di Santa Rita – “saranno rimandate al momento in cui sarà possibile ripartire senza restrizioni. È nostro desiderio organizzare la preghiera di “ripartenza” (speriamo in autunno) con un forte segno che ci incoraggi. È prematuro fare anticipazioni, ma stiamo pensando a un segno speciale in comunione con i luoghi di Santa Rita (Cascia e Roccaporena)”.

La prima messa nel Duomo di Torino - dopo il lockdown - sarà celebrata dal parroco Don Carlo Franco sabato alle 18, seguita dalle tre funzioni in calendario domenica, alle 9, alle 11 e alle 18.

Anche i festeggiamenti di Maria Ausiliatrice si terranno domenica in forma “ridotta” e senza la tradizionale processione, a cui ogni anno partecipavano circa 25 mila persone. Il programma, ripensato nel rispetto delle norme anti Covid, prevede non le consuete messe a tutte le ore, ma solo alle: 8; 9.30; 11; 12.30; 15.30; 17; 18.30 e il rosario alle 20.30. La messa delle 11, presieduta da Monsignor Nosiglia, ed il rosario (che sostituisce la processione) saranno trasmessi su Rete 7, per permettere al maggior numero di fedeli di assistervi da casa. In chiesa potranno stare solo 200 persone.

Desideriamo vivere questa solennità – commenta don Enrico Stasi, ispettore dei Salesiani del Piemonte e Valle d’Aosta - con uno spirito di profonda confidenza in Maria. Aprendo il cuore e confidando a Lei paure e speranze che animano questi giorni potremo sperimentare la dolcezza dell’essere protetti sotto il suo manto”.

Cinzia Gatti

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium