/ Eventi

Eventi | 11 luglio 2020, 07:27

Il Regio suona per gli eroi del Covid: "Musica è vita", concerto per il personale sanitario che ha lottato in prima fila

Spettacolo speciale, riservato a medici, infermieri e volontari impegnati nella lotta al Coronavirus

Il Regio suona per gli eroi del Covid: "Musica è vita", concerto per il personale sanitario che ha lottato in prima fila

Hanno deciso di chiamarlo "Musica è vita" ed è un regalo. Ma in questo caso, è uno di quei regali che si intuiscono già dalla carta. In questo caso dal nome: è un vero concerto, eseguito dagli artisti eccellenti del teatro Regio di Torino e dedicato a chi - medici, infermieri o volontari - ha lottato da marzo in poi contro il Coronavirus, in prima fila. 


Si terrà oggi alle 12 ed è un modo per dire "grazie" a chi ha messo a repentaglio la propria vita per la collettività. Ed è anche un modo per festeggiare, visto che lo stesso Teatro Regio sta per riaprire le sue porte al pubblico per la Stagione estiva, dopo i mesi di duro lockdown.

«Non appena abbiamo avuto la possibilità di accogliere nuovamente in Teatro il pubblico, il nostro primo pensiero è andato a tutti coloro i quali con dedizione, impegno e passione nei mesi dell’emergenza hanno lavorato senza sosta per aiutare i malati di Covid-19 - spiega Sebastian F. Schwarz, sovrintendente e direttore artistico Teatro Regio Torino -. Desideriamo porgere il nostro doveroso e sentito ringraziamento attraverso la musica immortale di Mozart".

Il programma prevede dunque la Messa di Requiem in re minore K 626 di Wolfgang Amadeus Mozart, un concerto che sarà registrato per un prossimo progetto discografico. Sul podio dell’Orchestra e Coro del Teatro Regio sale per la prima volta il maestro Stefano Montanari, Andrea Secchi istruisce il Coro. Solisti: Golda Schultz (soprano), Katrin Wundsam (mezzosoprano), Martin Mitterrutzner (tenore) e Nahuel di Pierro (basso).

Diplomato in violino e pianoforte, Stefano Montanari affianca all’attività di direttore d’orchestra, quella di solista – già primo violino concertatore dell’Accademia Bizantina di Ravenna - al violino e al fortepiano. È direttore musicale dell’ensemble barocco “I Bollenti Spiriti” di Lione e ospite regolare dei più importanti teatri e delle più prestigiose istituzioni musicali italiane ed europee. Insegna alla Civica Scuola di Musica Claudio Abbado e pubblica il “Metodo di violino barocco”. Collabora con il jazzista Gianluigi Trovesi ed è nominato ai Grammy Awards per O Solitude con Andreas Scholl (Decca).

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium