/ Attualità

Attualità | 26 settembre 2020, 13:08

Ondata di casi di stalking e violenza, il tribunale di Torino studia una riforma del 'Codice Rosso'

Nei mesi scorsi era stato avviato il progetto di creare una squadra specializzata di viceprocuratori onorari (vpo) da affiancare ai pm

Ondata di casi di stalking e violenza, il tribunale di Torino studia una riforma del 'Codice Rosso'

Stalking, maltrattamenti, violenze sessuali: la quantità di episodi che si verificano a Torino e nel circondario, abbinata alle disposizioni previste dalla legge indicata come 'Codice Rosso', è uno dei diversi fattori che in questi giorni hanno messo in moto, a Palazzo di giustizia, un programma di riassetto delle sezioni del Tribunale.

Al momento, secondo quanto si apprende, non c'è ancora un progetto definitivo. Sono solo trapelate alcune indiscrezioni (a cominciare dall'ipotesi di rafforzare l'organico trasferendo giudici da altre sezioni) che, prima ancora di trovare conferme, hanno già cominciato a fare discutere gli ambienti giudiziari.

In procura i fascicoli sono di pertinenza del pool 'fasce deboli', che conta dieci pubblici ministeri coordinati da un procuratore aggiunto. Per carico di lavoro, numero dei fascicoli e delicatezza delle vicende da trattare è uno dei maggiori dell'intera procura. Nei mesi scorsi era stato avviato il progetto di creare una squadra specializzata di viceprocuratori onorari (vpo) da affiancare ai pm.

Il 'Codice Rosso' è un provvedimento legislativo che nel 2019 ha introdotto una serie di modifiche per rendere più rapida l'instaurazione del procedimento penale e accelerare l'eventuale adozione di provvedimenti di protezione delle vittime.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium