/ Eventi

Eventi | 15 ottobre 2020, 11:44

Indiana Festival torna dopo il rinvio per maltempo negli spazi di Comala

Appuntamento venerdì 23 ottobre dalle ore 2

Indiana Festival torna dopo il rinvio per maltempo negli spazi di Comala

Indiana Festival, la festa della musica indipendente promossa da Indiependence, torna venerdì 23 ottobre dalle ore 21, negli spazi dell’Associazione Culturale Comala riproponendo la data di venerdì 2 ottobre, rinviata a causa delle condizioni meteo instabili. Confermato il cartellone: sul palco attesa una delle punte di diamante della nuova proposta torinese indipendente, i Santinumi, assieme alla cantautrice Nerè, alla rock band degli Adam Smith, e a Italian Take Away con L'Amortex.

La band Santinumi è composta da Andrea Bertolotti, Nicola Martini e Maurizio Daniele, che in carriera hanno condiviso il palco con artisti del calibro di Motta, Brunori Sas, Iosonouncane, Marta Sui Tubi, TARM, Africa Unite. Il loro primo disco, Paganìa, uscito a febbraio 2020, quasi totalmente autoprodotto, contiene 8 tracce cantate da voci diverse e ciascuna associata a una divinità. 

Oltre al loro set ben tre esibizioni: si parte con la musica esplosiva dai diversi suoni e generi della cantautrice Nerè, un’artista vulcanica come Napoli, sua città di origine, dove ogni canzone è un viaggio a tappe nello spazio e nel tempo, intorno alla mitologia greca.

A seguire, la rock band degli Adam Smith, di cui Paolo Ferrari ha scritto: “non un calciatore inglese, ma una rock band torinese schietta e diretta, che nel 2013 ha debuttato con l’album “Normale, banale, maiale” e non si è fermata più. Ce n’è, da ascoltare, guardare, raccontare”. Tra i primi gruppi a entrare nel roster di Indiependence, stanno producendo il secondo album.

Completano il cartellone della serata Italian Take Away e L'Amortex, due artisti che fonderanno i loro progetti in un unico live set che promette scintille. Le “canzoni senza patria” di Italian Take Away - ultimo “acquisto” della scuderia dell’etichetta Indiependence - incroceranno l’esperienza sonora e visiva de L'Amortex, progetto che fonde basi elettroniche e theremin con uno degli strumenti classici per eccellenza come l’arpa, e che ha saputo catturare l’attenzione di Johnson Righeira - uno dei padri dell’elettronica italiana - e dei Decibel di Enrico Ruggeri. Con loro, ha remixato uno dei brani classici della discografia dei Righeira Luciano Serra Pilota, che sarà incluso nel nuovo disco dell’artista, la cui uscita è prevista per il 2021.

L’evento è a ingresso libero, con check-in all'esterno dell'area dalle ore 20:30 e assegnazione del posto distanziato, in ottemperanza alle norme di prevenzione della diffusione del Covid.

Comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium