/ Cronaca

Cronaca | 21 ottobre 2020, 08:29

Adesivi della destra studentesca accanto alle pietre d'inciampo del D'Azeglio, Aliud: "Non siamo stati noi"

L'episodio a pochi giorni dalle tensioni nate di fronte all'istituto durante un volantinaggio dell'associazione. Rossomando: "Gesto vigliacco, sfregio alla memoria"

Adesivi della destra studentesca accanto alle pietre d'inciampo del D'Azeglio, Aliud: "Non siamo stati noi"

Alcuni adesivi a firma Aliud, organizzazione giovanile della destra identitaria, sono stati appiccicati ieri accanto alle pietre d'inciampo del liceo classico "Massimo D'Azeglio". Le opere commemorative, realizzate dall'artista tedesco Gunter Demnig, sono dedicate agli studenti ebrei Franco Tedeschi e Virginia Montalcini, vittime della Shoah. 

Un episodio che va a riaccendere le tensioni sorte nei giorni scorsi tra i gruppi antifascisti dell'istituto i ragazzi della destra, artefici di un volantinaggio di fronte all'ingresso di via Parini.

Ma, dopo la denuncia del fatto, Aliud ha diffuso una nota affermando la totale estraneità al gesto: "Respingiamo con forza l'accaduto e prendiamo fermamente le distanze da chiunque abbia commesso una simile stupidaggine", si legge. "Per l'ennesima volta, al D'Azeglio va in scena un teatrino grottesco: dopo i nostri volantinaggi delle scorse settimane, in cui i nostri esponenti sono stati minacciati pubblicamente, oggi cercano di gettare fango sulla nostra organizzazione con una fake news bella e buona".

"Qualche buontempone, evidentemente - prosegue la nota di Aliud -, deve aver staccato alcuni nostri adesivi dai pali intorno alla scuola per collocarli volutamente sulle pietre d'inciampo, per cercare di infangare la nostra associazione e svilire il lavoro degli oltre trenta rappresentanti degli studenti che aderiscono ad Aliud. Non ci faremo intimorire da questa ennesima vigliaccata e continueremo la nostra identità".

Non sono mancati duri commenti da parte di diversi esponenti politici, tra cui la vicepresidente del senato torinese Anna Rossomando: "Il blitz dell'estrema destra al liceo d'Azeglio è irricevibile. Imbrattare le pietre d'inciampo dedicate alla memoria di due studenti deportati ad Auschwitz è un gesto vigliacco e uno sfregio alla memoria".  

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium