/ Cronaca

Cronaca | 30 ottobre 2020, 14:28

Tornano le truffe che utilizzano il Covid: malfattori richiedono denaro per improbabili cure

Tentativo di raggiro ai danni di un'anziana. Ma lei non casca nel tranello architettato dal finto "nipote"

Tornano le truffe che utilizzano il Covid: malfattori richiedono denaro per improbabili cure

 

Con la risalita dei contagi dovuti al virus Covid-19 è ripreso il fenomeno delle truffe che utilizza l’emergenza sanitaria come espediente per raggirare persone anziane. Non sempre, però, le intenzioni dei truffatori si concretizzano.

Qualche giorno fa, in corso Grosseto, un’anziana signora ha ricevuto una chiamata dal “nipote” che le ha raccontato di aver appena scoperto di aver contratto il Covid dopo aver ricevuto l’esito del tampone e le ha chiesto 20mila euro per acquistare delle fiale, prodotte in America, per le cure contro il virus.

La donna, ascoltata la richiesta, non ha creduto alla storia del presunto nipote, di cui non aveva riconosciuto la voce, e non è caduta nel tranello. Nonostante le insistenze del suo interlocutore, la vittima non ha ceduto tanto che il truffatore ha finito per augurarle del male per il suo rifiuto e ha riagganciato. Dopo la conclusione della telefonata, l’anziana ha chiamato subito i familiari per riferire l’accaduto e denunciare i fatti alla Polizia.

 

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium