/ Scuola e formazione

Scuola e formazione | 20 novembre 2020, 16:34

Torino abbraccia la nuova "casa del gioco": restyling completato per il Centro Cultura Ludica Walter Ferrarotti [VIDEO]

Nel cuore di Mirafiori Sud, la struttura si estende per 1500 metri quadri: "E' un centro intergenerazionale e interculturale"

Torino abbraccia la nuova "casa del gioco": restyling completato per il Centro Cultura Ludica Walter Ferrarotti [VIDEO]

Il Centro Cultura Ludica Walter Ferrarotti ha una nuova casa. E' stato presentato dall'assessore all'Istruzione del Comune di Torino Antonietta Di Martino e dal direttore di Iter Enrico Bayma il nuovo volto del tempio del gioco torinese.
Completamente rinnovato nei contenuti e negli allestimenti, il centro ha una nuova sede a Mirafiori Sud, in via Millelire 40, che si estende su 1500 metri quadri. Non è un caso che la presentazione sia avvenuta il 20 novembre, Giornata Internazionale per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza. La struttura si pone come obiettivo quello di essere rivolta e aperta a tutti i cittadini: dai bimbi agli adulti, passando per gli adolescenti e le famiglie.

“Sono lieta di presentare il progetto del Centro Cultura Ludica in questa giornata così importante, non solo per l’infanzia, ma per l’intera comunità - ha sottolineato Antonietta Di Martino, Assessora all’Istruzione della Città di Torino -. Il gioco, oltre ad essere una valida risorsa per educare e apprendere, è un elemento importante di ogni tempo e di ogni cultura: portatore di modelli e di valori, rappresenta lo specchio del modo di essere e di pensare della società in cui si vive”.

https://www.youtube.com/watch?v=mgOBUo4ZTJw&feature=emb_title

Il Centro di Cultura Ludica di Torino è pensato per essere un luogo di ricerca, formazione e documentazione, uno spazio espositivo, un laboratorio permanente, un luogo di confronto e incontro, oltre che di dialogo. Le prime attività inizieranno nella primavera 2021 con la presentazione di una pubblicazione sulla cultura del gioco e un ciclo di incontri rivolti agli adulti. Il polo dei giochi è inserito, insieme agli altri poli di ITER, mnel Piano d’Azione Torino 2030 per il coinvolgimento partecipato di cittadine e cittadini nel mondo dell’educazione, della creatività e della vita civica. Il fine? La diffusione della cultura ludica e il contributo alla sperimentazione delle diverse forme di gioco, tra tradizione e innovazione, con attività che consentono di approfondirne il tema attraverso la storia e la memoria, nelle diverse culture, alla scoperta dell’evoluzione della produzione industriale del giocattolo fino al gioco tecnologico e multimediale. 
 
Se la creatività è considerata il filo conduttore di tutte queste attività, il gioco sarà l'elemento in grado di legare e stimolare le varie anime del Centro di Cultura Ludica Walter Ferrarotti: "Il gioco è importante in ogni momento della nostra vita, non solo nella vita dell’infanzia. Tempo libero, svago, sport, hobby: la chiave ludica è importante. E il centro vuole toccare le leve di tutti i visitatori" ha spiegato Anna Maria Venera, pedagogista dell'assessorato all’Istruzione della Città di Torino.

Andrea Parisotto

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

WhatsApp Segui il canale di TorinOggi.it su WhatsApp ISCRIVITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium