/ Cronaca

Cronaca | 18 febbraio 2021, 20:08

Disastro ferroviario di Caluso, indagata pagherà 2500 euro per estinguere il reato: ok dalla procura

Ora l'ultima parola spetta al Gip del tribunale di Ivrea. La tragedia del 23 maggio 2018 costò la vita a due persone

un'immagine dell'incidente del 23 maggio 2018

disastro ferroviario di Caluso, indagata pagherà 2500 euro per estinguere il reato: ok dalla procura

Uno degli indagati per il disastro ferroviario di Caluso del 23 maggio 2018, costato la vita a due persone, esce di scena con il pagamento allo Stato di una somma di denaro prestabilita che estingue il reato.

Si tratta di Cristiane Mendes, 46 anni, residente in provincia di Vicenza, amministratrice della ditta che organizzò la scorta tecnica del trasporto eccezionale diretto a Foglizzo, travolto sui binari al passaggio a livello di Arè di Caluso dal treno regionale della linea Torino-Ivrea.

L'imprenditrice, tramite i propri legali, ha depositato nei giorni scorsi la richiesta di oblazione alla procura di Ivrea che ha dato il consenso. Pagherà 2.500 euro estinguendo il reato come previsto dalla legge per gli indagati che hanno una posizione minore.

Ora l'ultima parola spetta al Gip del tribunale eporediese.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium