/ Attualità

Attualità | 03 aprile 2021, 15:15

A Torino ancora code ai supermercati e davanti ai negozi, prima delle annunciate chiusure

A gonfie vele la vendita per panetterie, gastronomie e negozi di fiori

code nei supermercati

A Torino ancora code ai supermercati e davanti ai negozi

Non fosse per le mascherine e per i negozi di generi extra-alimentari chiusi, la vigilia di Pasqua di Torino in zona rossa non sarebbe diversa da quelli di anni passati.

Prima della seconda Pasqua dell'era Covid

Invece quella che scatterà domani sarà la seconda Pasqua dell'era Covid in città e in Piemonte, con tutti i negozi chiusi dalle 13 di domani (come da ordinanza del governatore Alberto Cirio) ed allora prima che entrino in vigore le restrizioni e le chiusure, oggi vie e parchi sono affollati, c'è traffico, con acquisti frenetici di alimentari nei supermercati, ai negozi e ai banchi dei mercati.

La differenza rispetto al 2019, all'ultima Pasqua 'normale', la fanno le lunghe code sui marciapiedi, fino a 20-25 persone in fila in attesa di entrare in panetterie e pasticcerie piuttosto che nelle gastronomie. Vendite a gonfie vele, a quanto pare, ai mercati rionali, per i banchi di dolci, frutta e verdura, formaggi e salumi.

Generi più ricercati

A Santa Rita, a chi voleva acquistare fiori o composizioni centrotavola per i giorni di festa, è capitato anche di avere 30 clienti davanti prima del suo turno. Situazione simile in altri mercati cittadini, come quello di borgo San Paolo. Non troppo rispettate le regole anti contagio nei parchi, ai giochi per i bambini o sui campetti di basket, scene già viste in queste settimane.

Una novità, invece, quello che accadrà alle ore 18, con il derby Toro-Juve che andrà in scena per la prima volta all'Olimpico-Grande Torino senza la consueta cornice di pubblico, tifo e colore.

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium