/ Attualità

Attualità | 28 aprile 2021, 17:17

Fondi React Eu, 25 milioni di euro per i lavori in dieci scuole: coinvolti 8.389 studenti

Il finanziamento permetterà di migliorare l’efficientamento energetico e tecnologico dei plessi. Di Martino: “Il diritto allo studio e alla sicurezza riguarda tutti gli studenti e tutte le scuole”

lavori all'esterno di una scuola  - foto d'archivio

Fondi React Eu, a Torino lavori 25 milioni di euro per dieci scuole: coinvolti 8.389 studenti

I fondi React Eu per un restyling di 10 scuole torinesi. Ammonta a 25 milioni di euro circa il finanziamento in arrivo per la realizzazione di importanti interventi manutentivi da realizzare tra il 2021 e il 2023 in diversi edifici torinesi.

Dieci scuole e oltre 8 mila studenti interessati

A beneficiare dei fondi React saranno 8.389 studenti appartenenti a cinque scuole della Città di Torino e altre cinque della Città Metropolitana. L’obiettivo? Doppio. Da una parte migliorare l’efficientamento energetico degli edifici, dall’altra ridurre il gap tecnologico, portando un’evoluzione delle opzioni tecnologiche per gli studenti stessi. Le scuole in cui verranno effettuati gli interventi, almeno una per Circoscrizione al fine di coprire tutto il territorio di Torino, sono le scuole Montale e Negri (Circ.2), Salgari (Circ.3), Franchetti (Circ.5), Frank (Circ.6), Spinelli (Circ.7), Passoni  e Gioberti (Circ.1), Alfieri (Circ.8), Cattaneo (Circ.4), Copernico-Luxemburg (Circ.8).

Di Martino spiega i criteri alla base delle scelte

A spiegare i criteri per la scelta degli istituti in cui eseguire le manutenzioni, l’assessora all’Istruzione del Comune di Torino, Antonietta Di Martino: “Si tratta di fondi che hanno un orizzonte temporale di spesa ravvicinato, scadono nel 2023. E’ stato deciso di considerare non solo le scuole di competenza comunale (primarie) ma anche quelle di competenza della Città Metropolitana (secondarie). Il diritto allo studio e alla sicurezza - ha affermato Di Martino - riguarda tutti gli studenti e tutte le scuole”.

Che l’edilizia scolastica sia una priorità lo testimonia il fatto che dei 70 milioni di euro provenienti dai fondi React Eu, un terzo (25 milioni di euro) è stato destinato alle scuole torinesi. “Gli Interventi non comporteranno la chiusura delle scuole, si procederà compartimentando le operazioni, senza trasferire totalmente i ragazzi” ha concluso l’assessora.

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium