/ Attualità

Attualità | 17 giugno 2021, 07:30

Prato di Parella, il comitato per salvarlo non ci sta: “Non è ancora finita, continueremo a raccogliere firme”

Nonostante l'approvazione in Consiglio Comunale della mozione contro consumo di suolo e cementificazione, da Salviamo i Prati promettono di non demordere

prato verde con cielo azzurro

Non si arrendono le persone che vogliono difendere il prato di Parella

Il prato di Parella non è ancora salvo”: ad affermarlo è il comitato Salviamo i Prati a pochi giorni dall'approvazione (avvenuta la scorsa settimana, ndr), in Consiglio Comunale, di una mozione contro il consumo di suolo e la cementificazione dell'area verde abbandonata di via Madonna delle Salette presentata da Damiano Carretto (Movimento 4 Ottobre) e Daniela Albano (Movimento 5 Stelle).

La mozione non garantisce nulla”

Secondo i membri del comitato, l'atto ufficiale non garantirebbe l'abbandono definitivo del progetto di costruzione di uno studentato in ottica Universiadi 2025: “L'assessore all'urbanistica Antonino Iaria - fanno sapere – insiste sulla fretta e sul ridotto finanziamento, ribadendo che costruire su quel terreno vergine sia l'ideale perché è già pubblico e perché non richiederebbe varianti, consentendo di rientrare nel budget e di rispettare i tempi perché le struttura andrebbero realizzate entro il 2024”.

C'era tempo per trovare soluzioni alternative”

L'auspicio è quello di trovare una soluzione diversa da quelle prospettate: “La candidatura di Torino per le Universiadi - proseguono - è partita a luglio 2020: ci sarebbe stato tutto il tempo di individuare aree effettivamente da riqualificare e procedere a eventuali variazioni di destinazione. Eppure Parella e, purtroppo, anche il Maria Adelaide e la scuola Salvo d’Acquisto, sono state da subito proposte dall’assessore al gruppo di enti promotori dell’evento, senza peraltro coinvolgere il Consiglio durante il percorso di contrattazione”.

Continueremo a raccogliere le firme”

La promessa, invece, è quella di non demordere nell'intento di mantenere intatto il prato: “Speriamo - concludono – che Iaria rispetti l'indirizzo indicato dalla mozione: noi, nel frattempo, continueremo con la raccolta di 1500 firme per obbligare il Consiglio Comunale a discutere la Delibera di Iniziativa Popolare per scrivere la parola 'verde inedificabile' sul Piano Regolatore in corrispondenza del prato di via Madonna delle Salette”.

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium