/ Politica

Politica | 21 giugno 2021, 15:10

Comunali, Berlusconi a Damilano: "A Torino serve sindaco di cdx dopo 28 anni. Giri per la città" (VIDEO)

Questa mattina presentato il nuovo logo di Forza Italia, che si presenterà alle amministrative insieme al Partito Liberale Italiano, l'Unione Pensionati e Libertas-Unione di Centro

Paolo Damilano insieme agli esponenti di Forza Italia

Paolo Damilano insieme agli esponenti di Forza Italia

Un in "bocca al lupo", un abbraccio a tutti e una battuta di spirito. Si è aperta così la telefonata di Silvio Berlusconi a Paolo Damilano, in occasione della presentazione del nuovo logo di Forza Italia insieme alla Casa dei Moderati per le prossime elezioni Comunali Torino. Gli azzurri si presenteranno alle amministrative insieme al Partito Liberale Italiano, l'Unione Pensionati e Libertas-Unione di Centro. Il capoluogo piemontese, con quest'operazione, è a tutti gli effetti un primo laboratorio di federazione. 

Per Damilano penna e foglio per prendere appunti

Accolto dagli applausi, Damilano si è presentato nella sede di FI in via Barbaroux in completo blu. Oltre all'inseparabile cellulare, anche una penna e un foglio di carta, su cui ha preso appunti duranti i vari interventi. Il più atteso e sentito è stato sicuramente quello di Berlusconi che, via cellulare, ha esordito: "A Milano non abbiamo ancora il candidato sindaco, vi siete chiesti perché? Perché dopo Damilano a Torino ci sembra giusto trovare uno che si chiami Datorino a Milano". 

Berlusconi: "Dopo 28 anni Torino ha il diritto ad essere governata dal centrodestra" 

"Credo che Torino - ha aggiunto poi il Presidente - dopo 28 anni di sindaci di centrosinistra abbia il diritto di cambiare e di essere governata dal centrodestra". Berlusconi ha poi raccontato di aver incontrato ieri il leader della Lega Matteo Salvini, spiegando di essere "d'accordo su tutto, per arrivare alle elezioni del 2023 uniti. Anche con Paolo siamo d'accordo su tutto, a partire dal fatto che per uscire dalla crisi bisogna abbassare le tasse comunali. Il mio consiglio a lui che entra ora in politica e di girare la città: incontrare tutti e spiegare cosa intende fare". 

Zangrillo: "Programma con suggestioni società civile" 

E il Coordinatore regionale FI Piemonte Paolo Zangrillo è tornato a ribadire quanto detto in passato, cioè che le Comunali di Torino si possono vincere con una proposta politica più moderata.  "Questa volta più che mai - ha detto - stiamo costruendo un programma costruito raccogliendo le suggestioni della società civile: la nostra lista ribadisce questo approccio. Ci saranno sicuramente dei politici, ma sarà ricca di esponenti della società civile".

Ronzulli: "Torino rappresenta con Roma fallimento operato grillino"

A fargli eco la senatrice Licia Ronzulli, che ha sottolineato come Torino rappresenti insieme a "Roma il fallimento dell'operato grillino". Per la parlamentare serve un "cambio di passo che possiamo dare solo con Damilano", ma la vittoria "sarà solo un punto di inizio".

Damilano: "Uniamo le forze migliori della società civile con quelle della politica"

"Oggi - ha detto Paolo Damilano - diamo dimostrazione all'elettorato di grande maturità e serietà perché uniamo le forze migliori della società civile con quelle della politica". "Spero che alla nostra squadra si possano unire altre forze per dare la possibilità ai torinesi di scegliere un sindaco al primo passaggio elettorale" ha concluso il candidato sindaco del centrodestra.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium