/ Economia e lavoro

Economia e lavoro | 05 luglio 2021, 18:50

Sindacati in piazza contro il Comune: "Dignità per i lavoratori e rinnovo dei contratti in scadenza"

Cgil, Cisl e Uil chiedono certezze: "Servono continuità occupazionale e di prestazione"

protesta sindacati 5 luglio 2021

Sindacati in piazza contro il Comune: "Dignità per i lavoratori e rinnovo dei contratti in scadenza"

Prosegue la protesta dei lavoratori e delle lavoratrici della Città di Torino con contratto di somministrazione (gli ex interinali, ndr) in scadenza dopo il termine di 36 mesi: l'ennesimo capitolo della vicenda è andato in scena oggi pomeriggio con la protesta dei sindacati confederali davanti a Palazzo Civico.

La richiesta: rinnovo dei contratti

La principale richiesta è quella di ottenere un rinnovo per assistenti sociali, educatori, assistenti educativi e psicologici, amministrativi e addetti alla rendicontazione dei fondi europei, mediatori interculturali, penali e familiari: “Si tratta – ha spiegato Lucia Santangelo di Nidil Cgil – di circa 250 persone, di cui il 70% impiegate nei servizi sociali, che rischiano di essere sostituite. Non chiediamo incrementi numerici ma la conferma dell'organico attuale con il riconoscimento della professionalità pregressa: stiamo subendo da più di un anno la mancanza di volontà della politica, il tavolo tecnico non ha portato a nulla e l'assessore Rolando continua a ripetere di non avere soluzioni a riguardo”.

Continuità di servizio a rischio

Secondo i manifestanti, uno dei rischi principali è quello di danneggiare i servizi stessi: “Con questi continui cambi di personale - ha aggiunto Cristina Picchioldi di Felsa Cisl – a essere messa a repentaglio è la continuità di servizio, già messa a dura prova dalla pandemia di Covid-19, in settori dove l'utenza è principalmente composta dalle fasce deboli della cittadinanza; in attesa di superare i concorsi ci sarebbe tranquillamente la possibilità di evitare le interruzioni garantendo livelli adeguati grazie ai lavoratori già inseriti in organico”.

Dignità per i lavoratori

Nonostante le mancate risposte, i sindacati promettono battaglia: “Saremo - ha dichiarato infine Anna Maria D'Angelo di Uiltemp – sempre in prima fila per affermare il diritto alla continuità occupazionale: negli ultimi anni la pubblica amministrazione ha abusato delle forme di flessibilità sostenendo la precarietà anziché impiegarle per dare prospettiva ai lavoratori".

"Chiediamo di costruire un percorso che, oltre a prevedere forme concorsuali, riconosca la professionalità spesa dai lavoratori e dalle lavoratrici in servizi essenziali come quelli a favore delle persone più fragili; bisogna dare dignità ai lavoratori con contratto di somministrazione".

Marco Berton

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium