/ Eventi

Eventi | 21 settembre 2021, 10:38

Da Torino a Milano, una carovana in bicicletta per portare i temi ambientali alla Conferenza delle Nazioni Unite

Nel capoluogo lombardo si terrà, dal 28 settembre al 2 ottobre, il preCOP26. L'iniziativa è di Extinction Rebellion e parte il 25 settembre

ragazzo che solleva una bicicletta davanti a ex sede Fiat

Gli attivisti sono pronti a portare il proprio messaggio in bicicletta

In occasione degli incontri preparatori alla Conferenza delle Nazioni Unite sul Cambiamento Climatico (preCOP26), che avranno luogo a Milano dal 28 settembre al 2 ottobre, una carovana di cittadini partirà in bici da Torino alla volta della capitale lombarda, con l’obiettivo di comunicare l’urgenza e la gravità del collasso climatico ed ecologico a tutte le persone che si incontreranno durante il tragitto.

La carovana, coordinata da Extinction Rebellion, partirà da Torino il 25 settembre e arriverà a Milano il 27, dopo aver fatto tappa a Trino Vercellese il 25 sera e nei pressi di Novara il 26 sera. 

Con questa pedalata si vuole portare l'attenzione dei cittadini sui quattro giorni di incontri milanesi (preCOP26), durante i quali i rappresentanti di quaranta nazioni cercheranno di mettere le basi per accordi internazionali sulla riduzione dell'emissioni climalteranti. Questo appuntamento, insieme alla Conferenza (COP26) vera e propria di novembre a Glasgow, è, nelle parole del Sir David Attenborough, "l'ultima occasione per fermare la catastrofe climatica" [Uk COP26].

Le COP che si sono susseguite negli ultimi 26 anni non sono state in grado di porre obiettivi concreti e vincolanti ai governi per risolvere l'attuale crisi climatica ed ecologica. Nonostante le dichiarazioni, gli accordi e le promesse, le emissioni hanno continuato ad aumentare e, negli ultimi anni, ad accelerare [National Observer]. 

L’ultimo rapporto dell'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC), pubblicato in giugno, prevede scenari più drammatici di quanto dettagliato nei precedenti, nei quali “le temperature superficiali globali continueranno ad aumentare almeno fino a metà secolo qualunque sia lo scenario [di emissioni] considerato” [IPCC]. Questo significa che, qualsiasi cosa faremo, il limite di 1,5°, nei fatti, verrà comunque superato. Abbiamo già innescato fenomeni irreversibili: i terribili incendi, le bolle di calore e le alluvioni di questa estate ne sono una testimonianza.

Nello scenario migliore, quello con azzeramento emissioni climalteranti nette entro il 2050, si potrebbe ancora contenere l’aumento delle temperature entro i 2°C. 

Un aumento di 1,5 o 2°C fa una grande differenza. Agendo subito, in maniera radicale e tempestiva, i governi possono prendere misure che riducano i peggiori effetti di questa crisi. Ma i governi agiranno solo se i cittadini chiederanno interventi efficaci e pretenderanno il cambiamento. 

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium