/ Eventi

Eventi | 01 ottobre 2021, 07:13

Come Alice e il Cappellaio Matto: inizia la nuova stagione della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani

Prima parte di "Young Wild Free" dal 16 ottobre al 31 gennaio

Come Alice e il Cappellaio Matto: inizia la nuova stagione della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani

E' stata presentata nei giorni scorsi YOUNG WILD FREE, prima parte della Stagione Teatrale 21_22 della Casa del Teatro Ragazzi e Giovani di Torino, dal 16 ottobre al 31 gennaio. Il cartellone, come di consueto, prevede spettacoli per famiglie, per giovani/adulti e spettacoli in orario mattutino per le scuole di ogni ordine e grado. L'immagine che rappresenta la nuova stagione teatrale, scelta in collaborazione con CAMERA - Centro Italiano per la Fotografia di Torino, è dell’artista Valentina Vannicola e fa parte della serie "Alice nel paese delle meraviglie" di Lewis Carroll.

“Un Teatro che si occupa di Nuove Generazioni sa che il presente in cui opera costruisce la coscienza futura del pubblico che lo abita” dichiara il Direttore Artistico Emiliano Bronzino. “Per riuscire a parlare con i giovani di oggi, dobbiamo immaginare, vivere e proiettarci nel loro futuro, cercando di leggere la nostra realtà attraverso i loro occhi. Vedere il mondo come lo vede un ragazzo significa essere giovani, liberi e selvaggi. Come i personaggi di Alice nel Paese delle Meraviglie, superando la nostra età anagrafica e giocando con la nostra fantasia, proprio come i protagonisti dell’immagine della giovane fotografa Valentina Vannicola, scelti per la nostra campagna. Con questa nuova stagione teatrale vogliamo restituire alla fantasia e all’immaginazione il nostro futuro. Abbiamo bisogno di tornare a sorridere, a divertirci, a riflettere, e a condividere i nostri sentimenti”.  

L’apertura di stagione e le collaborazioni con alcune importanti istituzioni torinesi

Ad inaugurare la Stagione 21_22 sabato 16 ottobre, nell’ambito di Torino Danza Festival, CHOTTO XENOS della compagnia britannica Akram Khan Company. Partendo dal pluripremiato XENOS, il coreografo e danzatore anglo-bengalese Akram Khan lo ha trasposto in uno spettacolo a misura di bambino per accompagnare il giovane pubblico indietro nel tempo, esplorando le storie spesso dimenticate e non raccontate dei soldati coloniali della prima guerra mondiale, al fine di far luce sul nostro presente e futuro.

E’ inserita nel programma del Festival delle Colline Torinesi 26 l’ultima creazione della regista e attrice cesenate Chiara Guidi in dialogo con Vito Matera, EDIPO. UNA FIABA DI MAGIA di Socìetas. Uno spettacolo che, ricordandoci come il teatro sia uno spazio magico, intreccia il linguaggio infantile del gioco, della fiaba e della fantasia con la tragedia sofoclea, partendo dalla domanda, rivolta ai piccoli spettatori, “Io chi sono?”.

Inoltre, grazie alla collaborazione con la Fondazione TPE, viene presentato CIRCO KAFKA di Teatro Metastasio di Prato e TPE Teatro Piemonte Europa, il nuovo spettacolo di Claudio Morganti con l’interpretazione di Roberto Abbiati, una versione de Il processo dello scrittore praghese, senza parole e con una mimica semplice e poetica, ambientato in un surrogato di circo. Per riflettere sulla giustizia e per ridere compassionevolmente sul senso di un processo ingiusto che riguarda tutti.

Le nuove produzioni della Fondazione TRG Onlus

In questa prima tranche di stagione debutta DANTE FRA LE FIAMME E LE STELLE (26 novembre – 5 dicembre), spettacolo dedicato al poeta fiorentino in occasione del settecentesimo anniversario dalla morte, coprodotto con la Fondazione Teatro Stabile di Torino – Teatro Nazionale. Si ripercorre la vita di Dante, dall'infanzia all'esilio, dalla passione politica a quella amorosa, in una trama che mostra un uomo fragile e complesso, ricco di speranze e conflitti, profondamente diverso dalla figura che l’iconografia ci ha tramandato. L’interprete è Matthias Martelli che, con il suo personale percorso di teatro giullaresco, è in grado di avvicinare le nuove generazioni alla scoperta dell’opera e dell’uomo Dante, dall'infanzia all'esilio, dalla passione politica a quella amorosa. Emiliano Bronzino, direttore della Fondazione TRG Onlus, che nella sua carriera ha affrontato temi scientifici e storici, è il regista ideale per provare a trovare la sintesi scenica tra Storia e Teatro. Il tutto supportato dalla consulenza storico-scientifica del professore Alessandro Barbero.

La seconda produzione è QUADROTTO, TONDINO E LA LUNA (15 – 26 gennaio) di e con Pasquale Buonarota e Alessandro Pisci e le musiche di Diego Mingolla. Racconta la storia delicata di un bambino di nome Quadrotto, venuto al mondo per curiosità e dalla curiosità spinto a conoscere e a esplorare il mondo quadro in cui vive, e del suo incontro con un tipo strambo che non sta mai fermo: Tondino.  I due si rendono subito conto che non è affatto facile fare amicizia con chi parla un altro linguaggio ed è così diverso da te. Ma, passo dopo passo, nascerà un'amicizia costruita nel confronto fra forme acute e tonde, nell'ascolto di suoni curvi e spigolosi, nell'incomprensione e nell'intesa. 

Il cartellone pensato per il pubblico di famiglie con piccolissimi (dai 3 anni)

LA PRIMA VOLTA CHE HO FATTO BÙ L'emozione, lo stupore, l'incanto delle prime volte di Onda Teatro, è un racconto danzato delle esperienze vissute che insegna come qualche ricordo ha il piacere della gioia, altri sono freddi e duri di dolore, ma tutti sono fondamentali per crescere e sviluppare il proprio punto di vista sul mondo. 

NATURALIS della Compagnia Il Melarancio, testo e regia di Mariachiara Raviola, è un viaggio alla scoperta della vita, partendo dai Quattro Elementi che generano la vita stessa, in un gioco che due attori conducono con il corpo, la musica, i ritmi dal vivo e le parole semplici ed evocative.

Entrambi questi spettacoli rientrano in TappeUrbane, un progetto di rete, che agisce sul territorio della Città di Torino, con l'obiettivo di condividere opportunità educative, strumenti e occasioni gratuite per famiglie e bambini zerosei.

COSTRUTTORI DI STORIE de La Baracca - Testoni Ragazzi è uno spettacolo fatto di storie che si susseguono e si alternano le quali finiscono tutte dentro la storia di uomo che racconta una storia...

ABBRACCI di Teatro Telaio è la vicenda di due Panda che imparano a manifestare le proprie emozioni, fino a condividere la più grande di tutte, consapevoli che con gli abbracci si possono esprimere tante cose: ci si fa coraggio, si festeggia una vittoria, la gioia di un incontro o la speranza di ritrovarsi quando si va via.

SOUVENIR Il volo di Bella e Chagall di Teatro delle Briciole Solares Fondazione delle Arti è uno spettacolo visuale, aereo e poetico, ispirato alla serie dei dipinti con gli amanti in volo di Marc Chagall. Una storia d’amore, un viaggio onirico senza parole, per sfiorare in volo la poesia dell’amore e del sogno. 

Il cartellone per famiglie con bambini in età scolare (6 - 13 anni)

VITA DA BURATTINI del Teatro della Tosse – Fondazione Luzzati, è un gioco e un omaggio al teatro e alla tradizione delle tante storie raccontate negli anni dai bellissimi burattini di Emanuele Luzzati e Bruno Cereseto, un omaggio al maestro Luzzati proprio nel centenario della sua nascita.

Prosegue la collaborazione con la Compagnia EgriBiancoDanza che presenta SCACCO MATTO Altre distanze in nuovi orizzonti, un dittico di danza contemporanea, dinamico, poetico e suggestivo: FEROCE PARTITA RELOADED si ispira all’antico gioco indiano degli scacchi, metafora, in questo contesto, delle strategie di guerra e della manipolazione occulta e (QUARTETTO) PER LA FINE DEL TEMPO, con le musiche di Ezio Bosso e Olivier Messiaen, è un lavoro coreografico che vuole abbattere le barriere e affermare il valore della danza anche mutilata e limitata nella sua libertà. 

HANSEL E GRETEL del Baule Volante racconta la fiaba classica, antica, antichissima ma sempre urgente da vivere e da affrontare in cui due bambini si ritrovano soli di fronte alla durezza del mondo ed al buio del bosco. Ma soli non sono veramente: sono insieme, si stringono la mano, si aiutano, si fanno coraggio… 

Da segnalare, inoltre, per sabato 30 ottobre, una giornata organizzata da Mulino ad Arte in collaborazione con Teatro Affido e Triciclo società cooperativa sociale e con il sostegno del bando TAP, per riflettere sul tema della sostenibilità ambientale. Sono previsti due laboratori (pensati per ragazzi dagli 11 anni) e lo spettacolo COSE DI QUESTO MONDO di Compagnia delle Rose, illuminato grazie alla pedalata del pubblico con il format Teatro a Pedali.

Le feste alla Casa del Teatro per tutti

Per festeggiare Halloween la compagnia Artemakìa, nata dalla creatività dell’artista e regista Milo Scotton, presenta PERBACCO LE MASCHE! in cui personaggi caratteristici, acrobazie della terza età, camerieri improbabili e ospiti inattesi popolano una tipica osteria del Monferrato Astigiano. Un pomeriggio speciale di magia e poesia tra giochi, laboratori, photo-set in cui musica, teatro, circo e danza sorprendono il pubblico esaltando la ricchezza del patrimonio culturale del territorio piemontese.

Nel periodo natalizio (dal 26 dicembre al 9 gennaio) è tempo di magia e divertimento con LUCA BONO SHOW, uno spettacolo di Muvix per tutta la famiglia per ritrovare il gusto di stupirsi e meravigliarsi dal vivo. Luca Bono, il Campione Italiano di Magia che calca le scene nazionali e internazionali ormai da anni nonostante la giovane età, presenta un best of del proprio repertorio, uno show di emozioni e illusioni in compagnia di Sabrina Iannece, sua inseparabile assistente e co-protagonista. Un viaggio tra fantasia e realtà in cui i protagonisti sono lo stupore dell'illusione e l’incanto della grande magia.  

Giorno della Memoria

Per il Giorno della memoria sono due le proposte per le scuole: SII GENTILE E ABBI CORAGGIO dell’Orto degli Ananassi, uno spettacolo che, utilizzando il linguaggio del teatro di figura, mostra un’adolescente Anne Frank che racconta, in un modo così personale, brillante e ironico, il proprio mondo interiore e il suo tenace tentativo di rimanere felice e viva nonostante tutto; DUE SCARPE, IN DUE “Progetto Memoria”/Theater na de Dam (Torino - Amsterdam) di Antonio Bertusi, Thea Dellavalle, Sara Giampaolo, un laboratorio teatrale sul tema della memoria e del recupero della storia orale tramite le interviste a persone che hanno vissuto durante la seconda Guerra Mondiale.

Inoltre nel fine settimana, per un pubblico di giovani adulti, torna a grande richiesta LUCE26692 di LiberamenteUnico, creazione e regia di Barbara Altissimo. Si tratta di un progetto che, partendo dalla testimonianza di Elena Recanati – torinese classe 1922, ebrea, deportata e sopravvissuta -, porta alla luce la storia di chi ha vissuto in prima persona le privazioni, le violenze, le separazioni e le perdite dovute all’esperienza della shoah. Lo spettacolo include le testimonianze di attori contemporanei che, con modalità diverse, hanno vissuto episodi di esclusione ed emarginazione. 

La formazione alla Casa del Teatro

Da sempre la Casa del Teatro presenta un’importante offerta formativa, sia per piccoli che per i grandi. Riprendono, in presenza, i corsi di teatro rivolti a bambini, adolescenti e ragazzi della SCUOLA DI TEATRO PER RAGAZZI E GIOVANI, per avvicinarli al piacere del teatro in un’atmosfera stimolante e solidale. I corsi, suddivisi per fasce d’età, si propongono di valorizzare le capacità di ciascun partecipante e di costruire un percorso sia personale che collettivo, che porti i ragazzi e i giovani ad appropriarsi degli strumenti del teatro esprimendo le loro personali attitudini e i loro diversi temperamenti. 

Per gli adulti sono previsti due laboratori teatrali a cura di Elena Campanella: CHI È DI SCENA in orario serale e MESDAMES ET MESSIEURS in orario mattutino. Entrambi sono un’occasione per liberarsi dalle maschere della vita quotidiana ed esprimersi liberamente apprendendo le tecniche di recitazione e migliorando il proprio linguaggio espressivo.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium