/ Attualità

Attualità | 20 ottobre 2021, 15:45

Il Piemonte incontra la Svezia: al Castello del Valentino il patto nel nome di automotive e sostenibilità [FOTO E VIDEO]

Visita in Piemonte della principessa Ereditaria Victoria di Svezia e del principe Daniel, della Ministra per il Commercio Estero Anna Hallberg

il principe di svezia in visita a torino

Il Piemonte incontra la Svezia: al Valentino il patto nel nome di automotive e sostenibilità

Il Piemonte abbraccia la Svezia e sigla il patto per la sostenibilità ambientale e il rilancio del settore dell'Automotive.

E' con l’intento di esplorare le opportunità di cooperazione per promuovere un'Europa più verde, più digitalizzata e più competitiva, che si svolge in questi giorni la visita in Italia della Principessa Ereditaria Victoria di Svezia e del Principe Daniel, della Ministra per il Commercio Estero Anna Hallberg e di una delegazione di aziende e istituti di ricerca svedesi. Si tratta della prima visita in Italia di un ministro svedese dall’inizio della pandemia di covid-19. Un segnale tangibile di come questi due mondi apparentemente così distanti, invece si cerchino e si confrontino, come testimonia l'incontro avvenuto al Castello del Valentino, sede del Politecnico di Torino.

Saracco: "Noi avanti sull'automotive, la Svezia sulla sostenibilità ambientale"

"La finalità è quella di stabilire relazioni tra le università, le associazioni imprenditoriali e le imprese del territorio, nell'ambito della mobilità sostenibile" ha spiegato il rettore del Politecnico, Guido Saracco. "E' necessario un cambio di paradigma, pensiamo alla mobilità elettrica, ma anche alla guida connessa, alla collaborazione con le aziende dell'aeronautica. E' un sistema complesso, va studiato e riformato. Le tecnologie sono centrali in questo" ha raccontato Saracco.

Inevitabile, quindi, chiedersi cosa può "rubare" il Piemonte agli amici svedesi e quali competenze può invece mettere a disposizione. A fare chiarezza è ancora una volta il rettore del Politecnico: "Il numero di aziende nell'ambito dell'automotive, aeronautica e aerospazio è superiore a quello svedese. Da loro dobbiamo imparare la sensibilità per l'ambiente che in Svezia, prima di altri paesi, è storicamente forte. Loro sono sempre stati avanti nel porsi obiettivi di riduzione di inquinanti. Questa sensibilità li vede all'avanguardia e noi dobbiamo farla nostra".

Tronzano: "E' indispensabile aprirsi al mondo"

Soddisfatto del momento di confronto l'assessore al Bilancio della Regione Piemonte, Andrea Tronzano: "Per noi è indispensabile aprirsi al mondo, dobbiamo rafforzare questo sistema. Il Next Generation Eu ci darà una mano, noi non abbiamo niente da invidiare a nessuno in termini di manifattura. Il nostro obiettivo è il mondo, ma sappiamo che il Piemonte è fucina di grandissime competenze e può attrarre imprese che vengano qui a investire. L'obiettivo è l'occupazione".

Tronzano ha poi ricordato come le multinazionali siano un valore aggiunto, a maggior ragione quelle svedesi che decidono di investire in Piemonte: "La Svezia è un partner aperto, vogliamo attrarre le loro imprese sul territorio".

Il Presidente dell’Unione Industriali Torino, Giorgio Marsiaj, ha commentato: “È stata una bellissima e importante opportunità per intensificare sinergie e collaborazioni tra i nostri Paesi. La Svezia è un partner importante, e l’incontro di questa mattina con le eccellenze produttive del nostro territorio - come la Skf, nostra storica associata - conferma la comune volontà di impegnarsi per obiettivi condivisi e sempre più ambiziosi. L’Europa si trova oggi in un momento particolarmente delicato: alla ripartenza economica dovrà seguire necessariamente una riflessione sul ruolo del nostro continente negli scenari globali, alla luce delle grandi trasformazioni tecnologiche, sociali e geopolitiche che stiamo vivendo. Per questo ritengo essenziale approfondire le possibilità di cooperazione e scambio con gli altri Stati Membri, con l’obiettivo di lavorare insieme a un’Europa più interconnessa, innovativa e competitiva”.

Victoria di Svezia all'SKF di Airasca e a Mirafiori

Nella stessa giornata, in pieno clima istituzionale, la principessa ereditaria Victoria di Svezia ha visitato il polo industriale SKF Industrie di Airasca, uno dei più grandi e importanti siti di produzione di componenti per il mercato automotive mondiale, oggetto di un investimento da parte del Gruppo SKF di 40 milioni di euro per la costruzione green field di un nuovo stabilimento dedicato alla produzione di cuscinetti di precisione per applicazioni industriali. 

Il management SKF ha illustrato alla Principessa e alla delegazione come, in linea con le politiche del Gruppo SKF, il nuovo stabilimento italiano avrà zero impatto ambientale e dovrà essere certificato Leed, con ampio ricorso ad energie rinnovabili. Nel corso della giornata, la principessa ereditaria Victoria di Svezia e il Principe Daniel, assieme alla ministra per il Commercio ed ad una delegazione di aziende e istituti di ricerca hanno visitato anche lo stabilimento di Mirafiori.

Ad attendere gli ospiti svedesi c'erano il presidente di Stellantis, John Elkann, il responsabile delle relazioni istituzionali, Daniele Chiari e il direttore dello stabilimento, Luigi Barbieri.

 

Andrea Parisotto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium