/ Viabilità e trasporti

Viabilità e trasporti | 02 dicembre 2021, 14:10

Consulta delle bici a Lo Russo: "Prosegua lavoro di Appendino: ciclabili da concludere per il 2022"

Presa di posizione dopo la mozione della Lega che chiede di rivedere l'intera rete a due ruote realizzata dall'amministrazione M5S

"Eccessivo numero auto porta a situazioni dannose per l'ambiente"

"Eccessivo numero auto porta a situazioni dannose per l'ambiente"

La giunta Lo Russo prosegua il “lavoro intrapreso” dall’Amministrazione Appendino di sviluppo della rete per le bici. Netta presa di posizione della Consulta della Mobilità Ciclistica , che chiede di bocciare la mozione presentata lunedì dalla Lega per chiedere al sindaco Stefano Lo Russo di non essere “complice del disastro sulla viabilità a due ruote targato M5S”.

Tra le proposte dei consiglieri del Carroccio Catizone, Maccanti e Ricca il no ai controviali misti bici-auto a 20 Km all’ora, lo stop alla realizzazione delle piste ciclabili di corso Vercelli e via Gorizia nella zona di via Tolmino, la revisione dell’intera rete della due ruote realizzata dalla giunta Appendino, oltre ai progetti finanziati con il Decreto ciclovie urbane.

"Eccessivo numero auto porta a situazioni dannose per l'ambiente"

Richieste accolte criticamente dalla Consulta che chiarisce: Cercare di estromettere dalla strada chi sceglie la bicicletta o il monopattino come mezzo di trasporto per i propri spostamenti urbani, ha l’unico obiettivo di mantenere stabile l’insostenibile situazione attuale. Il disegno auto centrico delle vie e l’eccessivo numero di auto pro-capite (63 ogni 100 abitanti) porta a situazioni dannose per le persone e per l’ambiente, con un’aria tra le più inquinate d’Europa, strade quotidianamente congestionate e un elevato numero di morti e feriti”

"Cause incidenti sono velocità e distrazione di chi guida"

Del resto, -aggiungono - le vere cause delle collisioni stradali sono l'eccessiva velocità, la distrazione e le mancate precedenze da parte di chi guida un mezzo pesante a motore”. Parole che arrivano a pochi giorni di distanza di un incidente che si è verificato sulla ciclabile di piazza Rivoli, dove un ciclista 14enne è stato investito da un’auto. 

"Cantieri da concludere entro fine 2022"

La richiesta della Consulta è di bocciare la mozione della Lega, procedendo al più presto con il via ai lavori approvati dall’amministrazione Appendino, considerando che se i cantieri non verranno “conclusi entro fine 2022, i finanziamenti Ministeriali verranno persi.  “Negli ultimi anni si sono fatti grandi passi in avanti, nel cercare di recuperare decenni di ritardo nello sviluppo dell’infrastruttura ciclabile e rendere Torino sempre più a misura di persona, i veri abitanti della città” concludono. 

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium