/ Cronaca

Cronaca | 10 gennaio 2022, 11:09

A Torino meno dell'1% dei Civich è no-vax: "Sono positivi e stanno male"

Favaro: "Sono sospesi perchè non effettuato il vaccino: siamo in attesa della documentazione da parte di altri 4. Non possiamo ricollocare questi agenti"

auto della Polizia Municipale di Torino

Meno dell'1% dei vigili urbani di Torino sono no vax

A Torino appena lo 0,6% dei Civich è no-vax e una parte di loro al momento è positivo e sta male. Sono infatti undici gli agenti, su un totale aggiornato a fine 2020 di 1.743 vigili in servizio, che hanno rifiutato il vaccino contro il Covid-19. Un numero di contrari drasticamente sceso con l’imposizione dell’obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori, come quelli della Polizia Municipale.

In autunno circa 250 Civich no-vax

Numeri illustrati dalla vicesindaca con delega al Personale Michela Favaro, rispondendo all’interpellanza presentata dal consigliere di Fratelli d’Italia Enzo Liardo. In autunno, come spiegato dall’esponente del partito di destra, erano circa 250 gli uomini e le donne del comando di via Bologna non vaccinati. In pochi mesi sono diventati undici, che al momento sono sospesi dal lavoro, senza stipendio e senza soprattutto la prospettiva di essere destinati ad altre mansioni. La richiesta di Liardo era di ricollocare questi dipendenti all’interno della macchina amministrativa con altre funzioni, assumendo contestualmente i ragazzi under 32 che hanno superato il concorso per vigili bandito nel 2018 da Appendino. Un appello che doveva essere portato avanti in prima persona da una delegazione di agenti no vax, "che però sono positivi e stanno male" e quindi non sono potuti intervenire in commissione.

Dal 15 febbraio obbligo vaccinale per gli over 50

Una strada non percorribile, come ribadito ancora questa mattina dalla Favaro: ”Il decreto legge 172  ha imposto l’obbligo vaccinale per alcune categorie di lavoratori, in particolare per la Polizia Municipale”. “Questo governo, -ha aggiunto - come invece previsto dal vecchio decreto, non consente a questi agenti di svolgere altre mansioni.  Dal 15 febbraio scatta poi l’obbligo vaccinale per tutti i lavoratori sopra i 50 anni”.

In attesa di documentazione da altri 4 Civich

Al momento, ha poi aggiunto la vicesindaca, “sono undici i vigili sospesi dalla Polizia Municipale perché non hanno effettuato il vaccino: siamo in attesa di documentazione da parte di altri 4”. “Non parliamo di grandi numeri: volendo forzare la norma e adibire così questi lavoratori ad altri incarichi, non risolverebbe la carenza di personale che abbiamo”, ha concluso. Parole cui Liardo ha replicato chiedendo un confronto in commissione con i rappresentanti legali di questo gruppo di lavoratori.

Cinzia Gatti

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium