/ Politica

Politica | 11 gennaio 2022, 18:10

Residenze universitarie, Grimaldi (LUV): "Svelato il piano, aumento di 1402 posti letto"

"Si tratta di un grosso passo avanti, ma il dossier può essere ampliato"

Residenze universitarie, Grimaldi (LUV): "Svelato il piano, aumento di 1402 posti letto"

“L’Assessora Chiorino svela finalmente i piani della Regione per il V Bando della l. 338/00. La proposta del tavolo tecnico composto da rappresentanti di Regione, Università di Torino, Politecnico, Università del Piemonte Orientale, Università di Pollenzo, Edisu e IRES Piemonte contiene 8 interventi: in corso 4 Novembre (405 posti letto), in via Giulia di Barolo (90 posti), alla residenza Salvo d’Acquisto (165 posti), alla Foresteria Lingotto (156), all’ex ospedale psichiatrico di Grugliasco (340), all’ex centro sociale di Novara (145), alla Caserma Trevisan di Bra (50), all’ex convento Santa Monica di Savigliano (51), per un totale di 1402 posti. Sarebbe un bel passo avanti: attualmente, a fronte di 2.100 posti letto EDISU, vi sono stati nel 2019/20 quasi 6.500 borsisti fuori sede. Le stime di IRES raccontano che per rispondere alla crescente domanda, la città dovrebbe disporre di almeno 4300 nuovi posti. Su alcune testate si è parlato di un aumento di 2300 posti”, ha dichiarato in Aula il Capogruppo di Liberi Uguali Verdi, Marco Grimaldi, che ha presentato un question time in merito agli interventi che intende realizzare la Regione sulla residenzialità universitaria, in risposta al V bando della legge 338/2000, che cofinanzia la realizzazione o manutenzione di strutture residenziali universitarie.

“L’Assessora accenna a ulteriori progetti portati avanti tramite project financing. Ciò però avrebbe costi altissimi per EDISU, che già oggi spende cifre molto alte per l’affitto con riscatto delle residenze costruite in questo modo durante le Olimpiadi: quasi un quinto del bilancio EDISU è assorbito dalla spesa per alloggi – prosegue Grimaldi – Il nuovo bando della 338, col 75% di cofinanziamento statale, ci offre un’occasione straordinaria per aprire nuove residenze, riqualificare il patrimonio pubblico e avere città universitarie. Spero che il dossier sia ulteriormente ampliato, in accordo con la Città di Torino perché il fabbisogno maggiore è nel capoluogo piemontese”.

comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium