/ Cronaca

Cronaca | 20 gennaio 2022, 18:17

Proteste anti sfratto, definitive le condanne per 23 antagonisti torinesi

I giudici della Cassazione hanno operato una leggera riduzione di pena rispetto alla sentenza d'appello

corte di cassazione

Proteste anti sfratto, definitive le condanne per 23 antagonisti torinesi

Dichiarando inammissibili i ricorsi di quasi tutti gli imputati, la Cassazione ha chiuso il maxi processo per l'ondata di proteste anti-sfratto che ebbe luogo a Torino per iniziativa di anarchici e antagonisti fra il 2012 e il 2014.

Le condanne sono 23 a pene che oscillano fra i nove mesi e i 2 anni, tre mesi e 15 giorni di reclusione; in due casi i giudici hanno operato una leggera riduzione. Il processo riguardava i cosiddetti 'presidi di solidarietà sociale' allestiti per impedire lo sfratto, da parte degli ufficiali giudiziari, di inquilini in gravissime difficoltà economiche: si creavano tensioni che a volte diventavano scontri con le forze dell'ordine. Tra i reati contestati figuravano violenza e resistenza a pubblico ufficiale, danneggiamento, ingiuria, oltraggio, violenza privata, sequestro di persona.

La sentenza d'appello fu pronunciata il 2 marzo 2020. Gli Ermellini, dopo avere preso atto che i giudici piemontesi sottolinearono il "ricorso generalizzato alla violenza" da parte dei dimostranti, hanno ribadito che "i fatti non possono considerarsi direttamente funzionali all'affermazione di motivi sociali generalmente condivisi o al perseguimento di valori fondanti uno Stato democratico".

redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium