/ Eventi

Eventi | 08 febbraio 2022, 08:09

Seeyousound 2022: il festival del cinema musicale riparte in presenza con "Shoplifters of the World"

67 proiezioni in programma dal 18 al 24 febbraio. Tra gli ospiti anche Cristiano De André e Thomas Robsahm

Seeyousound 2022: il festival del cinema musicale riparte in presenza con "Shoplifters of the World"

Presentata al Cinema Teatro Baretti, dove lo scorso anno si era svolta in presenza, l'ottava edizione del festival "Seeyousound". 

La kermesse dedicata al cinema a tematica musicale torna in presenza e si terrà al Cinema Massimo, e non solo, dal 18 al 24 febbraio 2022. 

55 gli ospiti provenienti dall'Italia e da tutto il mondo, tra cui Stephen Kijak, Cristiano De André, Thomas Robsahm. 

Per rendere ancora più immersiva l'esperienza, due sonorizzazioni, un panel e una mostra per coinvolgere ancora di più il pubblico oltre all'esperienza "sala". 

Con Seeyousound, per sette giorni Torino celebra l'unione di suono e immagine: 67 film di finzione e documentari, cortometraggi e videoclip di cui 24 in anteprima italiana. 

Al via con "Shoplifters of the World", ospite il regista Kijak

Dà il via al festival, Shoplifters of the world, che racconta di un gruppo di giovani di Denver alle prese con la notizia dello scioglimento dei The Smiths. In anteprima italiana, il film sarà presentato dal regista statunitense Stephen Kijak, ospite e omaggiato del festival.

Ad aprire la serata Ginevra Nervi, giovane compositrice di musica elettronica che si è guadagnata la nomination ai David di Donatello, sonorizzerà Stuf, c<wbr></wbr>orto rumeno di contestazione del 1966. Kijak sarà protagonista di un omaggio che proseguirà sabato 19, con la proiezione di "Sid & Judy," sulla relazione tra Judy Garland e Sid Luft, e "Stoner in Exile, sulla crisi dei Rolling Stones alla fine dei '60. Nella stessa giornata, live la performance Lorem (live A/V), progetto multidisciplinare di Francesco D'Abbraccio.

 

In concorso

In concorso e inediti in Italia, i documentari "Moby Doc" di Rob Gordon Bralver sulla travagliata vita di Moby in un percorso di introspezione intrecciato con testimonianze di David Lynch e David Bowie; "The Conductor" di Bernadette Wegenstein, su Marin Aslop, prima direttrice donna di una grande orchestra americana; "Poly Styrene: I'm a cliché" di Celeste Bell e Paul Sng che ricostruisce l’iconica figura di Poly Styrene; "Agonia" di Tomasz Knittel, road movie polacco che ci catapulta nella tradizione della musica dell’Est. Chiude, il doc sulla pioniera della musica elettronica inglese anni ’60 "Delia Derbyshire: the myths and the legendary tapes.". 

Tra i lunghi, "The night of the beast" di Mauricio Leiva Cock; "Poser" di Ori Segev e Noah Dixon;  "The Blue Danube" di Akira Ikeda; "Other People" di Aleksandra Terpińska porta nei sobborghi di Varsavia tra hip hop e poesia spoken word. Completa il concorso "Les Magnetiques" – fresco di tre nomination ai Cesar.

Fuori concorso 

Tra le proiezioni fuori concorso una dedicata a Fabrizio De Andre, "DEANDRÉ#DEANDRÉ. Storia di un impiegato" di Roberta Lena, in cui si segue il tour che Cristiano De André, ospite in sala, ha dedicato al padre.

Tra i titoli fuori concorso per la prima volta in Italia anche "A-ha the movie" di Thomas Robsahm, che celebra l’iconica band di ‘Take On Me’ e "Jagged" di Alyson Klayman, sull’esordio di Alanis Morrissette e il suo percorso di autodeterminazione artistica e personale. 

 

Programma completo su: www.seeyousound.org 

Chiara Gallo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium